Sostituire le mattonelle del balcone: deve deciderlo il condominio?

Nessuna autorizzazione condominiale per cambiare le mattonelle del balcone ma andrebbe rispettata l’estetica dell’edificio

Chi è intenzionato a sostituire le mattonelle del proprio balcone potrebbe chiedersi se sia necessaria l’approvazione preliminare del condominio, non solo per una questione estetica, dato che il risultato sarà visibile all’esterno, ma anche per quanto riguarda le spese. Che cosa prevede la legge in questi casi? Esistono delle differenze a seconda dell’intervento da compiere e della tipologia di balcone? In questo articolo trovate le risposte.

Di chi è il balcone dell’appartamento?

Nei condomini possiamo trovarci davanti a due tipi di balconi: quelli aggettanti e quelli incassati. Nel primo caso, il balcone sporge dall’edificio ed è aperto sui tre lati, mentre nel secondo il balcone rimane all’interno dell’edificio stesso. Per questo motivo, il balcone incassato è di proprietà esclusiva del condomino solo per la parte superficiale (il calpestio), mentre la parte inferiore appartiene anche all’inquilino del piano sottostante. Se invece il balcone è aggettante allora non si pongono problemi: è interamente del condomino perché non fa parte delle aree comuni del condominio e la sua area incide sul prezzo dell’appartamento. 

Il condominio ha poteri decisionali solo sugli elementi che si inseriscono nella facciata dell’edificio o che la abbelliscono, come per esempio i frontalini del balcone, visibili anche dall’esterno, le ringhiere o le fioriere prefabbricate.

Le opere di ristrutturazione danno diritto a vari bonus casa che partono dal 110% al 50%, trovi nella rubrica Fisco tutte le informazioni. 

Sostituire le mattonelle del balcone: si può decidere in autonomia?

Appare quindi evidente che, se per qualunque ragione volessimo sostituire le mattonelle del balcone, la decisione spetterebbe solo a noi e dovremmo anche sostenerne per intero le spese, dato che le mattonelle fanno parte del calpestio.

L’unica accortezza da rispettare riguarda l’estetica dell’edificio, che può essere modificata ma non in peggio: ad esempio, non è raccomandabile sostituire delle mattonelle bianche classiche con del bitume o con mattonelle rosso acceso che potrebbero diminuire il valore economico dell’edificio. 

Questo specialmente se il nostro balcone si trova tra i primi piani inferiori e le sue mattonelle sono visibili dagli altri balconi più in alto.

Comunque, per evitare liti con gli altri condomini, la prima cosa da fare è quella di consultare il regolamento del condominio per scoprire cosa dice a riguardo. Dei limiti a questo tipo di intervento potrebbero sussistere solo se il regolamento è stato approvato all’unanimità, dato che le deliberazioni a maggioranza non influiscono sulla libertà personale dei condomini nei confronti dei propri appartamenti.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp