Speciale legge 104 e pensioni, TFR, Reddito di cittadinanza, Visita fiscale, Fattura elettronica, Concorso Marina Militare, tutte le novità della giornata

Rassegna su: Speciale legge 104 e pensioni, TFR, Reddito di cittadinanza, Visita fiscale, Fattura elettronica, Concorso Marina Militare, le novità.

Rassegna di oggi 12 settembre 2019, su: Legge 104 (permessi e congedo); Speciale pensioni (tutte le misure pensionistiche in base alle varie casistiche); Concorso Marina Militare; Fattura elettronica differita e data di emissione; Liquidazione TFR; Reddito di cittadinanza (accertamento, cambio di residenza e difficoltà ad accettare il posto di lavoro); Visita fiscale e fasce di reperibilità dipendenti pubblici, tutte le novità della giornata. 

Speciale legge 104

La legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone portatrici di handicap, anche conosciuta come legge 104/1992, permette, in determinate circostanze, di fruire di 3 giorni di permesso mensili per il dipendente con disabilità ma anche per il familiare che lo assiste. Come abbiamo specificato, però, non sempre spetta il beneficio. Leggi qui la notizia completa: 3 giorni di permesso legge 104: spettano con l’articolo 3, comma 1?

La legge 104 tutela il lavoratore disabile e il lavoratore caregiver (colui che assiste il familiare con handicap grave), con i permessi di tre giorni al mese e con il congedo biennale retribuito. I requisito di convivenza con il familiare disabile è richiesto in entrambi le misure? Leggi qui la notizia completa: Legge 104: il requisito di convivenza nel congedo e nei permessi?

Speciale pensioni

Con la quota 41 alcuni lavoratori precoci possono accedere alla quiescenza con 41 anni di contributi indipendentemente dall’età. Diciamo “alcuni” perchè non a tutti è consentito. Per poter accedere alla misura, infatti, è necessario appartenere ad uno dei 5 profili di lavoro tutelati dalla normativa in oggetto tenendo presente che per ogni profilo sono richiesti specifici requisiti. Leggi qui la notizia completa: Pensione precoci a 57 anni: non per tutti è possibile

Pensionamento anticipato di vecchiaia per i lavoratori sordomuti, requisiti richiesti: Prepensionamento per lavoratori disabili: requisiti richiesti

In Italia non esistono moltissimi modi per anticipare il pensionamento se non si possiedono un buon numero di contributi versati. Per chi ha meno di 30 anni di contributi, infatti, anticipare la pensione non è molto facile e spesso l’unica alternativa di quiescenza resta la pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni di età. Vediamo quali misure permettono di lasciare definitivamente il lavoro per chi non è in possesso di moltissimi anni di contributi. Trovi qui le informazioni: Pensione anticipata con meno di 30 anni di contributi: è possibile?

Non tutti lo sanno ma esiste un fondo casalinghe in cui è possibile versare contributi per ricevere una pensione dopo solo 5 anni versati o, al limite, al compimento dei 65 anni. Si tratta di un Fondo previdenziale, esistente dal 1 gennaio 1997, destinato alle persone che svolgono lavori di cura familiari non retribuiti. A tal proposito ci ha scritto una nostra lettrice per chiedere un consiglio per la figlia di una parente. Tutte le informazioni qui: Come recuperare 10 anni di contributi non versati: riscatto, volontari o fondo casalinghe?

Non è raro che i cittadini ci chiedano se è possibile conseguire la pensione anche se si decide di smettere di lavorare prima del compimento dell’età di accesso alla pensione. Non a tutti è chiara la normativa previdenziale in vigore (per qualsiasi misura valida per accedere alla pensione). Proprio per questo, nel presente articolo, ribadiamo il concetto già espresso in precedenza riguardo l’età di accesso alla pensione, i contributi richiesti e la durata del rapporto di lavoro. Leggi qui la notizia completa: Pensione di vecchiaia: si può smettere di lavorare prima dei 67 anni?

Concorso Marina Militare

La Marina Militare ha bandito un concorso pubblico con scadenza il 27 settembre 2019 per reclutare 2.200 volontari in ferma prefissata di un anno (VFP1). Ecco quali sono le mansioni richieste e i requisiti necessari per poter presentare la domanda di partecipazione. Trovi qui tutte le informazioni: Concorso Marina Militare: concorso per 2.200 volontari, ecco come partecipare

Fattura elettronica

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 14/E/2019, ha affermato che nelle fatture elettroniche differite può essere indicata una sola data,  specificando che è utile quella dell’ultima operazione eseguita. Leggi la notizia completa: Fattura elettronica differita con data fine mese, i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Liquidazione TFR

Ci sono state diverse sentenze in relazione alla liquidazione del TFR in caso di coniugi separati e divorziati ma, a quanto sembra la normativa di riferimento non è ancora chiarissima ai cittadini. Cosa accade al TFR del lavoratore in caso di decesso se quest’ultimo è separato, divorziato e non risposato? Leggi qui la risposta: Liquidazione TFR separati: cosa succede in caso di decesso?

Accertamento Reddito di cittadinanza, cambio di residenza, inabilità 

In corso di approvazione per il Reddito di Cittadinanza, il D.M. che disciplina l’utilizzo della piattaforma GePI. Questo sistema dovrà essere utilizzato dai Comuni per verificare i requisiti anagrafici dei beneficiari per i patti di inclusione sociale (Pis) e per i progetti utili alla collettività (Puc). Criticità sul cambio di residenza e cosa fare in questi casi, leggi qui tutte le informazioni: Reddito di cittadinanza e impossibilità a lavorare, documentazione da presentare

Diversa è l’inabilità al lavoro con il Reddito di cittadinanza, se si possiede un’invalidità accertata e documentata dalla Commissione medica tale da impedire l’attività lavorativa, questa sicuramente  sarà considerata. I lavoratori disabili rientrano nei canali specifici in merito al patto di lavoro. Leggi qui la notizia: Reddito di cittadinanza e impossibilità a lavorare, documentazione da presentare

Visita fiscale e fasce di reperibilità dipendenti pubblici

Continuano i dubbi sull’obbligo delle fasce di reperibilità della visita fiscale e le patologie invalidanti. Ricordiamo che i dipendenti pubblici che sono in malattia hanno l’obbligo di rispettare gli orari di reperibilità così suddivisi: la mattina dalle 9:00 alle 13:00 e il pomeriggio dalle 15:00 alle 18:00. L’Invalidità non è sufficiente per l’esonero delle fasce di reperibilità, in quest’articolo abbiamo esaminato cosa prevede la normativa: Visita fiscale dipendenti pubblici, l’esonero delle fasce di reperibilità con quale invalidità

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”