Speciale pensioni, Legge 104, Bollo auto, Bonus 475 €, ISEE, Mutuo, Reddito di cittadinanza, le novità della giornata

Rassegna su: Speciale pensioni, Legge 104, Bollo auto, Bonus 475 €, ISEE, Mutuo, Reddito di cittadinanza, le novità della giornata

Rassegna di oggi 3 ottobre 2019, su: Speciale su pensioni; Speciale su legge 104; Reddito di cittadinanza; Novità ISEE Università; Mutuo agevolato; Bonus 475 euro e la platea di beneficiari; bollo auto non pagato e cartelle esattoriali; tutte le novità della giornata. 

Speciale pensioni

Pensione anticipata

Pensione anticipata, quota 41 per lavoratori precoci, pensione di vecchiaia anticipata per invalidi: vediamo quali sono le possibilità di uscita per i nostri lettori che ci chiedono un parere sulla data presunta del pensionamento valutando per ognuno possibilità, misura e anni da attendere. Leggi la notizia completa qui: Pensione anticipata con 58 anni e 37 di contributi, anche Caregiver, quali alternative

Lavoro e pensione come portiere

Lavoro come portiere condominiale e  possibilità di pensionamento, secondo le norme e la giurisprudenza, il portiere condominiale che ha raggiunto l’età pensionabile può decidere (di comune accordo con il datore di lavoro e l’assemblea di condominio) di proseguire la propria attività fino al raggiungimento dei 70 anni. Tuttavia, tale possibilità è preclusa per i soggetti che decidono di beneficiare della pensione “Quota 100”, non essendo possibile cumulare il reddito da lavoro e la pensione. Leggi qui tutte le informazioni: Lavoro come portiere e pensione, novità e ultime sentenze

Pensione: le varie alternative

Moltissimi sono i lavoratori confusi dalle molte misure previdenziali in vigore che alla fine non sanno con quanti anni di contributi e con quale età è possibile andare in pensione. Purtroppo la risposta non è univoca poichè i requisiti cambiano con il variare del numero di anni di contributi posseduti. Cerchiamo, quindi, di fare una panoramica sulle possibilità di pensionamento esistenti in base ai contributi posseduti vedendo, al tempo stesso, anche l’età richiesta per l’accesso. Leggi qui tutte le possibili alternative: Pensione: a che età e con quanti anni di contributi?

Pensione di reversibilità

La pensione di reversibilità spetta ai familiari superstiti (coniuge e in alcuni casi i figli) del lavoratore o del pensionato deceduto. Attenzione, però, quanto ricevuto con la pensione di reversibilità fa reddito e potrebbe inficiare su altre prestazioni (soprattutto quelle assistenziali) già percepite. Cerchiamo di capire perchè. Leggi qui: Pensione di reversibilità: può sospendere l’assegno di invalidità?

Gli esclusi dalla Quota 100 andranno in pensione con 5/6 anni in più

Il nuovo Governo punta alla chiusura della pensione Quota 100 che ha permesso e permetterà fino al 2021 (termine della sperimentazione), l’accesso al pensionamento con 62 anni di età anagrafica e 38 anni di contributi. La fine della sperimentazione della pensione anticipata Quota 100 non è indolore. Infatti, al termine della sperimentazione nel 2021, senza nessun tipo di armonizzazione per gli esclusi, ci sarà un aumento netto di cinque o sei anni dei requisiti richiesti per il pensionamento. Leggi qui la notizia completa: Pensioni, senza quota 100 assegno 5 o 6 anni più tardi

Taglio pensioni fino a 540 euro

Il nuovo governo Conte bis non ha tra le priorità quella di prendere in carico gli assegni pensionistici e il cuneo fiscale, che rimane ancora in sospeso per la legge di Bilancio 2020. Si è stimato che più di 16 milioni di pensionati vedranno perdere il potere di acquisto del loro assegno pensionistico già al triennio in corso fino al 2021. La Fnp-Cisl ha effettuato un’analisi dell’andamento degli assegni di pensione prendendo in esame quelle netta di 1.600, 1.700 e 1.900 euro. Si è visto che la mancata rivalutazione degli assegni all’inflazione alle pensioni superiori a tre volte il minimo comporterà una perdita fino a circa 500 euro mensili per milioni di pensionati. La notizia qui: Pensioni in calo: meno 524 euro per assegni di 1900 euro

Speciale legge 104

Congedo straordinario

Congedo straordinario legge 104 per assistere il familiare con handicap grave (art. 3 comma 3), alla domanda vanno allegati una serie di documenti, tra questi l’atto notorio. Trovi qui tutte le spiegazioni: Congedo straordinario con legge 104: modulo e istruzioni atto notorio da allegare alla domanda

Il congedo straordinario legge 151 è destinato ai lavoratori “Caregiver” che assistono un familiare con handicap grave ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3. Nell’arco della vita lavorativa può essere chiesto una sola volta e per un solo familiare, ha la durata di due anni, che possono essere chiesti anche in modo frazionato. Il congedo è retribuito e coperto da contribuzione figurativa, validi ai fini del pensionamento. Leggi la notizia completa qui: Congedo biennale retribuito con legge 104 per sé stessi, possibilità e alternative

Assegno invalidità

L’assegno invalidità viene riconosciuto sia ai lavoratori dipendenti che autonomi, affetti da patologie che creano infermità fisica e mentale accertate dall’Inps, non derivante da causa di servizio. La natura della patologia invalidante deve essere tale da creare una riduzione relativa a due terzi della capacità lavorativa, l’assegno con una percentuale uguale o superiore al 74 per cento. L’assegno invalidità non viene corrisposto in via definitiva ma rinnovabile ogni tre anni, al terzo rinnovo si trasforma automaticamente in pensione di invalidità. Leggi qui la notizia completa: Assegno invalidità: al rinnovo possono abbassarmi la percentuale?

Benefici legge 104

I lavoratori con handicap grave e i familiari che assistono disabile grave in base alla legge 104 articolo 3 comma 3, hanno diritto a delle agevolazioni sul lavoro che riguardano, eventualmente, anche i turni lavorativi. Vediamo in quali casi e come si può fruire di tali benefici. Trovi qui l’elenco completo: Benefici legge 104 sugli orari di lavoro: cosa comportano?

Mutuo agevolato con legge 104

I possessori di Legge 104 possono far richiesta di un mutuo agevolato tramite il servizio Plafond Casa. Tale convenzione è sottoscritta tra ABI e Cassa depositi e prestiti, e la misura è indirizzata alle giovani coppie, a nuclei familiari numerosi e a nuclei familiari al cui interno vi sia un soggetto disabile certificato con la legge 104.  comprendenti soggetti con disabilità. In redazione ci giungono molte richieste di informazione al riguardo di come e se si può richiedere un mutuo agevolato avendo in famiglia un soggetto disabile. Leggi qui la notizia completa: Mutuo agevolato con legge 104: ecco come fare domanda

Permessi legge 104 e congedo

I permessi legge 104 si esauriscono fruendo del congedo straordinario retribuito? Cerchiamo di chiarire i dubbi in proposito sottolineando le differenze tra i due istituto per capire quello che non spetta al lavoratore che si prende cura di un familiare con grave disabilità in base alla legge 104, articolo 3, comma 3. La notizia completa: Permessi legge 104, si esauriscono con il congedo straordinario retribuito?

ISEE Università 2019: ecco cosa cambia

Sono state introdotte alcune novità nella compilazione del modello ISEE, in particolare sul concetto di famiglia anagrafica, sul caso dello studente non residente con i genitori e sulla condizione di autonomia dello studente. Con il D.L. 4/2019, che ha istituito il reddito di cittadinanza, il legislatore ha introdotto sostanziali modifiche ad alcune delle regole di composizione del nucleo familiare ai fini ISEE stabilite dal D.P.C.M. 159/2013. Analizziamo la loro applicazione in riferimento alla tipologia di DSU che deve essere presentata dagli studenti che desiderano richiedere prestazioni erogate nell’ambito del diritto allo studio universitario, quindi l’ISEE Università. Leggi qui la notizia completa: ISEE Università 2019: nuove regole per il nucleo familiare studente

Reddito di cittadinanza

C’è una circolare da parte dell’INPS che informa i percettori di reddito o pensione di cittadinanza che hanno tempo fino al 4 ottobre, e che hanno presentato domanda nel marzo scorso, che potranno integrare la domanda presentata. Trovi qui le informazioni: Reddito di cittadinanza: si potrà integrare la domanda fino al 4 ottobre

Reddito di cittadinanza: con casa di proprietà si può fare domanda?

Bonus di 475 euro: ecco di cosa si tratta

Il consiglio dei ministri ha approvato la Nota di aggiornamento del DEF che sarà alla base della legge di bilancio 2020. Quindi gli obiettivi, dopo un lungo vertice che è durato fino a notte inoltrata, è stato raggiunto. Le novità, secondo le indiscrezioni circolate, riguarderebbero il bonus Befana e Cashback.  Il bonus Befana riguarda chi nel 2020 ha effettuato pagamenti con moneta elettronica per una soglia ancora da stabilire, riceverà un bonus nei primi giorni del 2021. Il cashback è un il meccanismo pensato per incentivare sempre i pagamenti con carta di credito e bancomat, in modo da combattere l’evasione fiscale. Leggi la notizia completa qui: Bonus 475 euro, cashback e incentivi pagamenti bancomat nel DEF

Bollo auto non pagato

Cosa fare se arriva una cartella esattoriale con bollo auto non pagato? La prima cosa è controllare se il pagamento è andato in prescrizione, ricordiamo che il bollo si prescrive in tre anni dalla scadenza. È possibile trovare tutte le informazioni sulla prescrizione in quest’articolo: Bollo auto non pagato: i 3 anni di prescrizione si dividono in base agli atti. La seconda è verificare se c’è in procinto una normativa che permette di ridurre i costi di sanzioni e interessi. Ebbene la settimana scorsa vi abbiamo parlato della possibilità di una nuova rottamazione cartelle esattoriali, che includeva i debiti fino al 31 dicembre 2018. Questa possibilità con la pubblicazione del DEF sembra sfumata, analizziamo cosa prevede il DEF rispondendo ad un nostro lettore sul bollo auto non pagato nel 2017. Leggi qui la notizia: Bollo auto non pagato 2017 con cartella esattoriale, mi conviene pagare o attendere la nuova rottamazione?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”