Speciale Pensioni, Novità Reddito di cittadinanza, Lavoro, Buoni fruttiferi postali, Monete, Bollo fatture elettroniche, Grande Fratello fiscale, le novità della giornata

Rassegna su: Pensioni,Reddito di cittadinanza, Lavoro, Buoni fruttiferi postali, Monete, Bollo fatture elettroniche, Grande Fratello fiscale, le novità

Rassegna di oggi 30 ottobre 2019, su: Speciale su pensione; Novità su Reddito di cittadinanza: Lavoro e diritti: Buoni Fruttiferi postali; Monete e valore; Tutto Fisco (Bollo su fatture, Controlli a tappetto per evasione fiscale); tutte le novità della giornata. 

Speciale pensioni

Pensione a 57 anni

È possibile anticipate il pensionamento di 5/10 anni attraverso i fondi pensione. Ma quali sono i fondi pensione, in cosa consistono? Vediamo di cosa si tratta e come è possibile anticipare il pensionamento rispondendo alle domande dei nostri lettori. Leggi qui le novità: Andare in pensione a 57 anni con fondo pensione, ma cosa significa? I dettagli

Pensione con 41 anni di contributi

Anche se sembra assurdo in alcuni casi per accedere alla pensione è meglio rimanere disoccupati e versare contributi volontari piuttosto che accettare un contratto a termine dopo la Naspi perdendo lo status di disoccupato. Leggi qui la notizia completa: Pensione con 41 anni: meglio disoccupati con contributi volontari che con contratto a termine

Opzione donna nel 2020

La misura pensionistica Opzione donna è stata prorogata anche nel 2020 anche se sui requisiti restano ancora delle incognite, nello specifico, possono accedere alla misura le lavoratrici dipendenti con 58 anni di età e le lavoratrici autonome con 59 anni di età che hanno maturato un requisito contributivo di 35 anni. Per i requisiti per l’anno 2020 ci riserviamo di capire come sarà strutturata, le indiscrezioni arrivate fanno ritenere che il beneficio sarà esteso alle nate sino al 1961, se dipendenti, o sino al 1960, se lavoratrici autonome. Le novità qui: Pensione Opzione donna 2020: il cumulo contributivo un problema

Speciale su Reddito di cittadinanza

Abbiamo affrontato in diversi altri articoli la lista delle spese ammesse e di quelle vietate con la carta reddito di cittadinanza ma un nostro lettore ci fa una domanda specifica che potrebbe interessare molti altri consumatori e riguarda, per l’appunto, il riscaldamento a pellet. Leggi qui la notizia completa: Riscaldamento a pellet: si può pagare con il reddito di cittadinanza?

Ed eccoci con l’appuntamento giornaliero sulle informazioni del Reddito di cittadinanza, oggi rispondiamo ai nostri lettori che ci seguono su whatsapp e mail in riferimento alla scadenza, i fattori che fanno respingere il Rdc e se ci sarà un aumento per l’epifania, e se è possibile pagare l’assegno di mantenimento all’ex coniuge con la card, analizziamo le richieste in base alle ultime novità: Reddito di cittadinanza: respinto, scadenza e aumento all’epifania, le novità

I punti di vista, ovviamente, possono essere discordi, ma si può anche preferire la percezione del reddito di cittadinanza alla richiesta di anticipo pensionistico con Ape volontaria. E’ bene dire, però che non si parla della stessa cosa e che, appunto, i limiti imposti dall’uno non sono presenti nell’altro. Cerchiamo di capire rispondendo ad un quesito: Reddito di cittadinanza o Ape volontario, cosa conviene?

Monete e il loro valore

Cerchiamo di capire quanto valgono le diverse monete in lire, in base all’annata specifica per comprendere se nella vendita possono fruttare un gruzzolo oppure no. Come abbiamo scritto spesso, negli ultimi tempi, infatti, sono molte le monete in lire che possono avere un valore anche importante per i collezionisti. Leggi qui la notizia completa: Quanto valgono le vecchie lire di vario taglio? Cerchiamo di capire

Buoni fruttiferi postali

I buoni fruttiferi postali 4 anni risparmiosemplice di Poste Italiane è una delle nuove tipologia immesse sul mercato. Analizziamo le sue caratteristiche e i suoi rendimenti. Leggi qui la notizia completa: Buoni fruttiferi postali 4 anni risparmiosemplice: caratteristiche e rendimento aggiornato

Tutto Fisco

Bollo fatture elettroniche

Sanzioni automatiche per imposta di bollo su fatture elettroniche stabilite nel decreto fiscale 124/2019. Novità sulle sanzioni, per i contribuenti che ritardano, omettono o versano meno di quanto dovuto di imposta di bollo sulle fatture elettroniche, dal 1 gennaio 2020, l’Agenzia delle Entrate comunicherà l’importo dovuto, comprensivo di sanzione ridotta e interessi (avviso bonario). Se poi, dopo 30 giorni, l’imposta comprensiva di sanzioni, non è stata versata, questa sarà iscritta a ruolo a titolo definitivo. Leggi qui la notizia: Bollo su fatture elettroniche, le sanzioni arrivano in automatico dopo 30 giorni di ritardo

Grande fratello fiscale

Tante le novità nella prossima manovra di Bilancio, tra cui spunta “Anonimometro” uno strumento per la lotta all’evasione fiscale. La curiosità è tanta, previsto nella nuova  nella manovra di Bilancio per superare le rigide norme sulla privacy l’anonimometro” o “evasometro
anonimo”, ma di cosa si tratta? Leggi qui la notizia: Inizia il Grande Fratello del Fisco con anonimometro, una nuova invenzione: ecco di cosa si tratta

Taglio alle detrazioni fiscali del 19%

Nella prossima legge di Bilancio 2020 previsto il taglio delle detrazioni fiscali al 19% per grandi contribuenti. Si tratta di una nuova misura che colpisce i grandi contribuenti, ossia, coloro che dichiarano oltre 120.000 euro di reddito annuo. Leggi qui la notizia completa: Taglio delle detrazioni fiscali del 19% su spese scolastiche, polizze vita, retta universitaria, novità nella legge di Bilancio

Tutto lavoro

Aprire un franchising

Nel 2020 ci sono molte attività gettonate per chi vuole aprire una propria attività in franchising, andiamo dai prodotti Bio al home delivery passando per servizio agli animali. Il franchising sta conquistando il mondo, le ricerche confermano il periodo fiorente e vitale di questo settore attirando molti giovani volenterosi a diventare imprenditori. Leggi i consigli: 5 idee per aprire un’attività in proprio con il franchising

Cosa si rischia a dichiarare il falso sui titoli di studio?

Una recente sentenza del Tribunale di Trapani, ha dichiarato che è legittimo licenziare un candidato che dichiara il falso sul titolo di studio. Nello specifico la Corte ha esaminato il caso di un candidato che è stato licenziato perché ha falsificato il titolo richiesto per
l’assunzione. Leggi qui la notizia: Assunzione: cosa si rischia a dichiarare il falso sul titolo di studio

Stipendi – scuola

Una proposta nel disegno di legge che mira all’equiparazione dello stipendio tra i docenti di vario ordine e grado, è stata presentata da Fausto Reciti, deputato del Pd, il 18 ottobre 2019 alla Camera. Leggi qui la proposta: Scuola: stipendio docenti uguale per tutti


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”