Spese sanitarie la detrazione al 19% solo se pagate con bancomat dal 2020, i farmaci ancora in contanti, ultime notizie

Spese sanitarie detraibili dal 1° gennaio 2020 solo se il pagamento è effettuato con bancomat o bonifici, le ultime novità.

Il disegno di legge di Bilancio 2020 ha inserito tantissime novità, tra cui il pagamento delle spese sanitarie dal 1° gennaio 2020 con il bancomat, bonifici postali e bancarie, per chi vuole portare le spese in detrazione nella dichiarazione dei redditi (modello 730 e Redditi). La misura prevede che la detrazione sarà possibile solo ed esclusivamente con pagamento rintracciabile. Inoltre, sempre dal 1° gennaio 2020 limitate o azzerare le detrazioni Irpef per i redditi alti compresi fra 120.000 e 240.000 euro.

I farmaci si potranno pagare ancora in contanti

Escluse dal pagamento rintracciabile l’acquisto dei farmaci, che potranno essere pagati in contanti. Qui la misura si è bloccata a beneficio della grande platea di persone avanti con l’età che non sono avvezzi al pagamento con gli strumenti elettronici.

Per approfondimenti: Detrazioni spese sanitarie 2020: abolito il tetto dei 120 mila euro, resta l’obbligo di tracciabilità


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”