Spezzare la pillola a metà: una consuetudine pericolosa

Molti sono gli anziani che nell’assumere i medicinali commettono errori grossolani che potrebbero, alla lunga, diventare pericolosi.

Molti sono gli anziani che prima di prendere la pillola, magari per prendere metà dose, la spezzano a metà: una consuetudine che alla lunga potrebbe risultare davvero pericolosa poichè  la terapia potrebbe essere compromessa.

Spezzare le pillole è un’abitudine pericolosa

Molto spesso gli anziani, per risparmiare, comprano le pillole di un dosaggio più alto e poi ne prendono la metà per aggiustare la dose senza sapere che non sempre il principio attivo del medicinale è diviso equamente in tutta la compressa. A volte sono gli stessi medici a consigliare, erroneamente, di aggiustare le dosi in questo modo.

In un terzo dei casi, infatti,  dividendo la pillola il principio attivo del medicinale presente nelle due metà è disuguale anche se si utilizza un taglia pillole e si rischia di prendere una dose di farmaco che si discosta da quello che in realtà si dovrebbe assumere di circa il 15% (rischio di sovraddosaggio o di riduzione dell’efficacia, in entrambi i casi non va bene).

Altro rischio: triturare una pillola

Molto spesso, invece, gli anziani che non riescono a deglutire una pillola intera decidono di triturarla, ma anche in questo caso si rischia di perdere una parte del medicinale da assumere che potrebbe, per esempio, restare attaccato al tovagliolo.

Se non si riesce a deglutire una pillola perchè troppo grande si deve parlare col proprio medico e vedere se esiste la sua versione solubile per risolvere il problema.

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.