Male la Lazio, 2-2, disastro Milan, 0-2.

Molto improbabile a meno di miracoli che Lazio e Milan possano approdare ai quarti.

La Lazio ha pareggiato 2-2 contro la Dinamo Kiev nella partita di andata dei sedicesimi di finale di Europa League.

I gol sono stati segnati tutti nel secondo tempo: la Dinamo Kiev è andata in vantaggio con un gol di Tsigankov, prima di essere raggiunta e superata dalla Lazio grazie ai gol di Ciro Immobile e Felipe Anderson. A dieci minuti dalla fine però la Dinamo Kiev ha pareggiato con un gol di  Moraes.

Un palo di Immobile all’ultimo minuto di recupero dice che la Lazio non è stata nemmeno fortunata.

Altro che Milan, il diavolo è Arsene Lupin alias  Wenger.

A San Siro vince l’Arsenal 2-0 con goal di Mkhitaryan e Ramsey nel primo tempo, si mette in tasca la qualificazione ai quarti di finale di Europa League e riporta i rossoneri sulla terra, con una lezione di calcio che  lascia esterefatti i 73mila di San Siro.

La verità è che la Lazio ha disimparato a vincere e che al Milan manca un centravanti come Higuain, Immobile, Dzeko o Icardi.

Molto improbabile a meno di miracoli che le nostre squadre possano approdare ai quarti, meglio concentrarsi sul campionato per la Lazio e sulla coppa Italia per il Milan.

Il Mago di OZ

Dovendo scegliere uno pseudonimo con cui firmare gli articoli, cosa che non faccio per lucro, ho deciso di usare il titolo del celebre romanzo per bambini di Baum per due motivi: il primo perchè sono le iniziali del mio nome e cognome e il secondo perchè, come il mago della storia, mi piace, SENZA INVENTARE NULLA, aiutare le persone a tirare fuori quello che già possiedono dentro di loro, spesso senza saperlo