Serie A: una domenica qualunque

Deprimente vedere gli Juventini festeggiare in modo esagerato uno scudetto già vinto.

DEPRIMENTE VEDERE L’iNTER CHE NON RIESCE A VINCERE UNA PARTITA FONDAMENTALE, DEPRIMENTE VEDERE IL MILAN NON RIUSCIRE A PORTARE A CASA I 3 PUNTI CHE AVREBBERO SALVATO LE VACANZE, DEPRIMENTE VEDERE LA LAZIO CHE NON RIESCE AD ENTRARE IN CHAMPIONS CON UN TURNO DI ANTICIPO.

Deprimente vedere un arbitro ammonire 11 giocatori ed espellerne 2 in una partita non cattiva, deprimente sentire parlare Chiellini, deprimente la Ferrari, deprimente Fabio Aru al giro: in una domenica bestiale non è mancato nulla, nemmeno le interviste deprimenti di Crozza e Benatià.

Deprimente vedere la Roma finire in 10, pensa un po’ contro chi…i soliti noti.

Deprimente vedere le facce degli Juventini di Argentina, gli auguro di cuore di restare a casa per i mondiali…

Basta con questo finto buonismo, la Juve è veramente una squadra disgustosa, forza Napoli tutta la vita, anche se De Laurentis è forse il più deprimente di tutti.

Si decide tutto domenica prossima…meno male che è finita perchè ora saremmo anche stanchi, ben vengano i mondiali dove per fortuna l’Italia non c’è e la Juventus nemmeno.

I risultati:

Benevento 1 Genoa 0, Crotone 2 Lazio 2, Fiorentina 0 Cagliari 1, Bologna 1 Chievo 2, Roma 0 Juve 0, Inter 1 Sassuolo 2, Verona 0 Udinese 1, Torino 2 Spal 1, Atalanta 1 Milan 1, Sampdoria 0 Napoli 2.

Classifica:

  • Juventus 92
  • Napoli 88
  • Roma 74
  • Lazio 72
  • Inter 69
  • Milan 61
  • Atalanta 60
  • Fiorentina 57
  • Sampdoria 54
  • Torino 51
  • Sassuolo 43
  • Genoa 41
  • Bologna 39
  • Chievo 37
  • Udinese 37
  • Cagliari 36
  • SPAL 35
  • Crotone 35
  • Verona 25
  • Benevento 21
Serie A: una domenica qualunque ultima modifica: 2018-05-14T09:06:04+00:00 da Il Mago di OZ

Il Mago di OZ

Dovendo scegliere uno pseudonimo con cui firmare gli articoli, cosa che non faccio per lucro, ho deciso di usare il titolo del celebre romanzo per bambini di Baum per due motivi: il primo perchè sono le iniziali del mio nome e cognome e il secondo perchè, come il mago della storia, mi piace, SENZA INVENTARE NULLA, aiutare le persone a tirare fuori quello che già possiedono dentro di loro, spesso senza saperlo