Spostamenti tra Regioni dal 3 giugno: solo tra quelle non ad alto rischio

Dal 3 giugno saranno possibili gli spostamenti tra Regioni? A dirlo saranno i dati dei contagi effettuati il 29 maggio.

Il ministro  degli Affari regionali Boccia è molto chiaro al riguardo: gli spostamenti tra Regioni saranno consentiti solo se non ad alto rischio e se una Regione, quindi, ha molti contagi non potrà partecipare alla mobilità regionale. Giuseppe Conte, dopo aver dato il via libera agli spostamenti all’interno della Regione di Residenza, nella conferenza stampa del 16 maggio, ha annunciato che gli spostamenti tra Regioni potrebbe avere il via libera a partire dal 3 giugno.

Spostamenti tra Regioni saranno possibili dopo il 3 giugno?

Al momento lo spostamento al di fuori della propria Regione di residenza è possibile soltanto per comprovati motivi di lavoro, necessità o salute. Dal 3 giungo potrebbe esserci il via libera anche per questi spostamenti ma a tal riguardo il ministro Francesco Boccia ha fissato delle condizioni durante un’audizione alla Commissione Federalismo fiscale alla Camera.

Dopo l’ufficializzazione di riprogrammare le aperture di spostamenti tra Regioni, sottolinea il ministro, le condizioni perchè venga consentita è che si ripettino i dati del monitoraggio e se una ragione appare ad alto rischio non potrà partecipare alla mobilità regionale.

Quello che ci si chiede, dunque è se dal 3 giugno potremo spostarci liberamente da una Regione all’altra (magari per incontrare i parenti che risiedono in altra Regione) liberamente. Ma a questa domanda ancora non c’è una risposta perchè il tutto dipenderà dai dati di monitoraggio che effettua sui dati registrati dalle singole Regioni, in base a ben 21 parametri differenti,  il Ministero della Salute.

I dati sono resi noto ogni venerdì, visto che il monitoraggio avviene settimanalmente e questo, quindi, decide che le eventuali riaperture saranno decise sui dati del 29 maggio. Per quella data, quindi sarà reso noto tra quali Regioni saranno possibili gli spostamenti.

Facciamo degli esempi: se una Regione ha contagi molto alti viene considerata ad alto rischio per quei territori scatterebbero norme diverse e non sarebbe possibile la mobilità verso quella Regione.

Al termine del lockdown le Regioni che emergevano come a rischio moderato erano Lombardia, Molise e Umbria, mentre nessuna Regione veniva catalogata come ad alto rischio.

In ogni caso per sapere quali Regioni sono ad alto rischio, quali a rischio moderato e quali saranno ricomprese nella mobilità regionale bisognerà attendere i dati messi a disposizione il 29 maggio.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.