Spray al peperoncino ad un concerto a Lignano, tragedia scampata

Ancora spray al peperocino durante un concerto a Lignano in occasione della Beach Arena: 10 minori finiti intossicati all’ospedale.

Dopo la tragedia avvenuta a Corinaldo in occasione di un concerto del rapper Sfera Ebbasta, la situazione sembra non essere cambiata. Il 12 agosto, durante lo show del rapper Salmo alla Beach Arena di Lignano Sabbiadoro, ignoti hanno spruzzato dello spray al peperoncino nell’aria. La tragedia è stata scampata, ma i soccorsi non sono mancati. Alcuni ragazzi tra il pubblico hanno riportato seri problemi respiratori, ma ora stanno bene.

Strage di Corinaldo

Giusto qualche settimana fa è stata presa la banda che aveva provocato la strage nel locale a Corinaldo, causando la morte di 7 giovani vite (6 minorenni e una donna). Per sei degli arrestati l’accusa è anche di omicidio preterintenzionale, mentre il settimo è un ricettatore, titolare di un compro oro, anche lui colpito da provvedimento in carcere.

I membri della banda hanno tra i 19 e i 21 anni, sono tutti residenti a Modena e da anni erano specializzati in furti all’interno di discoteche del centro e nord Italia. Agivano soprattutto durante concerti trap, particolarmente frequentati dai giovani, e ognuno di loro aveva un compito ben specifico durante le rapine.

“Da un concerto si esce senza voce, non senza vita”

Era questa la scritta che si leggeva di recente su uno striscione in memoria delle vittime della strage di Corinaldo. Una frase breve e di impatto, che dovremmo tenere tutti a mente. Eppure, qualcuno sembra non aver imparato la lezione.

Lunedì 12 agosto, in occasione della Beach Arena a Lignano, durante lo show di Salmo, una banda ha spruzzato numerose dosi di spray al peperoncino. Come ben sappiamo, questo spray è urticante e ha infatti provocato seri danni respiratori ad alcuni ragazzi che si trovavano nel pubblico. 10 minori sono stati trasportati d’urgenza all’ospedale. I soccorsi hanno sospeso per alcuni minuti il concerto, ma una volta portate le vittime al Pronto soccorso, l’evento è ricominciato per evitare che la paura prendesse il sopravvento.

Ti potrebbe interessare anche: Cyberbullismo: è Instagram il social network più colpito


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Sara Gatto

Ciao a tutti! Sono Sara, ho 20 anni e sono una studentessa. Il mondo della comunicazione è ciò che più mi interessa, in particolare il cinema, la musica e l'arte in generale. Spero che i miei articoli vi siano d'aiuto e che, oltre la curiosità, siano capaci di alimentare i vostri interessi.