Stabilizza il colesterolo e aiuta l’intestino: il mandarino

Il mandarino, molto utile per regolarizzare l’intestino e stabilizzare il colesterolo cattivo.

Il mandarino è un frutto ricco di proprietà benefiche, stabilizza il colesterolo e aiuta l’intestino e non solo, ideale per uno spuntino sano. Il suo periodo migliore è tra novembre e febbraio, frutto molto sano, in natura è presente in molte varietà. Il mandarino privo di buccia ha un apporto energetico di 72 calorie per ogni 100 grammi, ottimo il suo contenuto di fibre solubili e insolubili.

Colesterolo: tutte le proprietà del mandarino

Grazie alla presenza di fibre il mandarino è ottimo per la stabilizzazione dei livelli di colesterolo cattivo LDL e utile per la salute del cuore, e si può considerare un valido alleato dell’efficienza dell’intestino. Fate attenzione, comunque si tratta di un frutto zuccherino e di conseguenza non bisogna esagerare.

Ottima fonte di acido folico, importante per le donne in gravidanza, prevengono problematiche a carico del tubo neurale del nascituro. Ricco di vitamina C essenziale è ricordare che l’apporto di acido ascorbico è fondamentale per l’efficienza del sistema immunitario, ottimo antiossidante e buona presenza anche di vitamina B. Da non trascurare la presenza di bromo, sostanza la cui assunzione favorisce la qualità del sonno.

Ottimo come spuntino a metà mattinata o al pomeriggio, il mandarino è uno di quei frutti di cui non va buttato via nulla, neanche la buccia. Anch’essa è caratterizzata da proprietà importanti, infatti grazie alla presenza di limonae, sostanza antiossidante, viene estratto un olio essenziale per prevenire l’invecchiamento precoce della pelle.

Come tutte le cose il mandarino va usato con moderazione anche perché non ha particolari controindicazioni tranne che, essendo un frutto zuccherino, deve essere usato con moderazione da chi soffre di diabete, è opportuno comunque chiedere consiglio sempre al proprio medico per le modalità di consumo del frutto.

Colesterolo cattivo LDL, l’avocado lo tiene a bada: lo confermano degli studi


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp