Stampare soldi e distribuirli alle aziende e ai cittadini, la proposta del governatore della Banca Centrale della Francia

Per uscire dalla crisi la soluzione è quella di stampare denaro e distribuirlo alle aziende e ai cittadini, lo ha proposto il governatore della Banca Centrale di Francia

La pandemia di coronavirus che ha investito il mondo intero provocherà una crisi economica unica nel suo genere e sarà difficile uscirne. Ci vorranno ingenti fondi per fronteggiare al meglio la situazione. Il Financial Time riporta che il governatore della Banca Centrale di Francia, François Villeroy de Galhau, ha ipotizzato la possibilità di stampare soldi e distribuirli direttamente alle aziende per smuovere l’economia, ha affermato che queste misure sono concepibili se bisogna combattere una grave deflazione.

Stampare denaro: una possibilità da non sottovalutare

Nel discorso avvenuto mercoledì François Villeroy de Galhau, che è anche membro del consiglio direttivo della Banca Centrale Europea, ha dichiarato che la situazione comporterebbe: “un grave rischio per la stabilità dei prezzi” non si esclude la possibilità che una “banca centrale creerebbe denaro su una base duratura per finanziare direttamente le imprese”.

In linea di massima realizzerebbe il tanto discusso “helicopter money” preso in considerazioni da vari paesi o che stanno considerando fortemente Stati Uniti e Hong Kong.

La BCE acquista più obbligazioni 

La BCE nel frattempo ha aumentato enormemente gli acquisti di obbligazioni sovrane e societarie per fronteggiare il coronavirus evitando così di portare la discussione sull’helicopter drops” che consegnerebbe il denaro dalla banca centrale direttamente alle imprese e ai cittadini.

L’helicopter money incontrerà una forte resistenza 

Sicuramente l’idea del Helicopter money incontrerà una forte resistenza nei membri più conservatori del consiglio direttivo della BCE.

Villeroy ha messo in campo questa ipotesi dopo che la BCE ha risposto sulla recessione economica avviando un programma di acquisto di obbligazioni da 750 miliardi di euro. Dall’altra parte ci sono i politici dell’UE che continuano a litigare tra loro sulle azioni da intraprendere. Germania e Olanda continuano con i pungo duro e si oppongono alla mutualizzazione del debito, infatti hanno bocciato gli eurobond


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”