Starbucks Italia: nuove 15 caffetterie all’insegna dell’italianità

Il colosso americano ormai diventato una istituzione, Starbucks ha intenzione di aprire altre caffetterie nel nostro paese e di avvicinarsi ad un pubblico più variegato.

Dopo il successo e l’attesa del primo Starbucks in Italia in Piazza Cordusio a inizio settembre, l’azienda americana internazionale vuole ancora Milano per portare in Italia il suo format tradizionale, ovvero il modello «Core» che presenta già 28mila negozi in tutto il mondo. Come per il primo Starbucks, anche in questo caso c’è la volontà di aggiungere alcuni elementi di italiani nel design delle caffetterie e nell’offerta gastronomica. Ma un’altra novità riguarda la gestione, infatti a differenza della Roastery, gestita in modo diretto dalla multinazionale americana, tutti gli Starbucks Core futuri nel nostro Paese saranno affidati in franchising al partner Percassi, attraverso la newco Siren Coffee.

 Starbucks e l’Italia

La prima caffetteria è stata inaugurata martedì 20 novembre in Corso Garibaldi, e presenta le seguenti caratteristiche: 200 metri quadrati che ospiteranno 28 lavoratori che serviranno, oltre a tutte le tipologie di caffè tipiche degli Starbucks Core, anche prodotti pensati esclusivamente per i clienti italiani: cornetti, brioche e crostate, muffins, e poi insalate e panini, il tutto preparato al momento, a differenza degli altri negozi del gruppo nel mondo. Troveremo l’elemento italiano nel marmo del bancone, nei toni caldi degli arredi, le finiture in legno, bronzo e ottone che si ispirano ai bar storici di Milano. Il tutto è curato da Liz Muller, la chief design officer di Starbucks che ha progettato la Roastery, facendo ricorso ad artigiani e aziende italiane.
Il prossimo Starbucks Core, di 280 mq, sarà aperto oggi, data 22 novembre 2018, in via Durini, a due passi dal Duomo, e tra una settimana arriverà quello il più grande, 350 mq all’interno dell’aeroporto di Malpensa. Per chi non è fan del noto marchio è bello sapere che Starbucks sta dando lavoro e darà lavoro a circa 400 persone.Starbucks Italia: nuove 15 caffetterie all'insegna dell'italianità

Altre aperture di Starbucks

Roberto Masi, managing director di Starbucks Coffe Italy dice :

«Non ci piacciono gli annunci, inoltre dobbiamo capire la risposta del mercato, ma se tutto andrà bene, il piano di sviluppo prevede circa 10-15 aperture l’anno e un focus, oltre che sui centri città, anche sui luoghi di viaggio, come aeroporti e stazioni, e centri commerciali».

L’anno prossimo è in arrivo entro la primavera un negozio in Stazione Centrale e probabilmente anche un punto vendita all’interno di Citylife, e si pensa di aprire a Roma.

«Dopodiché ci concentreremo sulle medie città del Centro e Nord Italia- continua Masi-Firenze, Bologna Venezia, Padova, Verona e Torino. È un programma a medio termine, su cinque anni: siamo prudenti e umili. Sappiamo che l’Italia è una grande sfida per Starbucks, ma il gruppo ha dimostrato di credere nel nostro Paese, aprendo proprio a Milano la prima Roastery in Europa e la terza nel mondo. Se saremo bravi e veloci nel trovare il giusto mix commerciale, capace di unire un grande brand internazionale con un’offerta adeguata alle abitudini e i gusti degli italiani, allora il programma potrebbe anche accelerare».

L’offerta StarbucksStarbucks Italia: nuove 15 caffetterie all'insegna dell'italianità

Ci saranno diverse tipologie di caffè, come da tradizione Starbucks, ma due prodotti particolari molto importanti per gli italiani: espresso e cappuccino che costeranno 1,30 e 1,80 euro. Anche per gli Starbucks Core è stato scelto un partner locale per la fornitura dei prodotti di pasticceria, ovvero l’Atelier di Clusone, in provincia di Bergamo, che elaborerà e produrrà i prodotti in esclusiva per le caffetterie italiane del brand americano. La volontà di Masi è che i clienti italiani non siano solo studenti o turisti, ma tutti gli italiani nella loro moltitudine e varietà in tutti i sensi.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.