La tinta per i capelli: bionda, mora o rossa? Cambiare testa è facile

-
21/11/2019

La tinta per i capelli? Bionda, mora o rossa, cambiare il colore dei capelli è facile.

La tinta per i capelli: bionda, mora o rossa? Cambiare testa è facile

Ad ogni stagione che cambia ci chiediamo quale sarà la moda del momento e i nuovi colori che andranno per i capelli. Ormai le tinte sono alla portata di tutti, basta solo scegliere il colore.

Bionda, mora o rossa? Ma qual è la migliore tinta da usare?

Da dire che le tinte non sono tutte uguali, possono essere temporanea, permanente o semipermanente. La temporanea dura il tempo di un lavaggio e si trova in gel, lozioni o schiume spray. La semipermanente invece sono quelle che durano fino a 4-5 lavaggi e si trovano in lozioni, aerosol o schiume pronte all’uso. Per una durata più lunga bisogna orientarsi su quella permanente, si tratta di prodotti particolari che hanno bisogno di interagire chimicamente con altre sostanze.

Il grande dilemma è quello se usare l’ammoniaca o no. Nelle tinture ammonia free, I pigmenti sono attivati grazie a un mix di oli naturali e ingredienti chimici, e oltre ad avere un effetto meno invasivo delle tinte con ammoniaca, svolgono anche una funzione lucidate ed emolliente grazie agli oli presenti. Questo trattamento però, a differenza delle colorazioni permanenti tradizionali, il colore tende a sbiadirsi con i lavaggi.

Se poi non vuoi colorare i capelli e hai bisogno di fare un ritocco per nascondere la ricrescita, esistono formulazioni studiate apposta per questi motivi. Si tratta di uno spray per le radici o mascara studiati per i ritocchi, sono validi alleati per intervenire su aree localizzate in quanto permettono di coprire con precisione la parte di ricrescita su cui si vuole intervenire senza ungere e sporcare.


Leggi anche: Reddito di cittadinanza, pagamento dal 27 luglio 2021: al via la nuova carta RdC maggiorenni

Prima di fare un colore bisogna sapere alcune cose, prima è opportuno fare un test per le varie allergie perché si può essere allergici anche ad una colorazione senza ammoniaca. Le colorazioni con ammoniaca non sono più aggressive in quanto l’ammoniaca è una sostanza volatile che rimane sulla testa delle clienti per pochissimi secondi, è più dannosa per il parrucchiere che la inala.

Per passare da un trattamento all’altro non c’è una tempistica, ci sono vari fattori da tenere in considerazione, uno dei quali è la famosa ricrescita che varia da persona a persona. Per scegliere il colore giusto i fattori da tenere in considerazione sono l’incarnato, il colore degli occhi e la forma del viso.

Infine un consiglio, per un mantenimento di idratazione e di brillantezza del colore è meglio usare prodotti specifici consigliati ad un esperto.

Capelli sempre sani e splendenti? Si può, usando sempre la maschera giusta