Stop a tasse, Rc auto e pagamenti delle bollette, sospensione mutui e sussidi per gli autonomi: misure coronavirus

Misure fiscali ed economiche per le zone colpite da coronavirus: dalla sospensione dei pagamenti all’indennità per gli autonomi.

Il coronavirus sta mettendo in ginocchio l’economia italiana e degli italiani, soprattutto nelle zone rosse e proprio per questo la scorsa settimana il governo ha varato delle misure economiche per sostenere, nel possibile, i comuni in quarantena sospendendo il pagamento di bollette, tasse, mutui ed Rc auto ma provvedendo anche allo stanziamento di sussidi per gli autonomi che non possono lavorare.

Misure economiche coronavirus

Gli aiuti predisposti dal governo per le zone italiane colpite maggiormente dal coronavirus prevedono una sospensione, fino al 30 aprile, del pagamento delle bollette di acqua, luce, rifiuti e gas. Una volta terminato il periodo di emergenza e la sospensione dei pagamenti, inoltre, vi sarà la possibilità di rateizzare i pagamenti dovuti.

Fino al 30 aprile, inoltre, si sono sospesi anche i pagamenti delle assicurazioni Rc auto e dei mutui.

Per gli 11 comuni colpiti dal coronavirus, inoltre, vi è la sospensione delle scadenze fiscali fino al 31 maggio: fino a tale termine, quindi, non dovranno essere pagate le rate della rottamazione e del saldo e stralcio oltre alle tasse che ricadranno nel periodo in questione. Tutte le misure, in ogni caso riguardano chi ha la residenza o la sede operativa nelle zone isolate ed in quarantena (l’elenco dei comuni, in ogni caso, è presente nel decreto).

Per chi, poi, subisce sospensione dal lavoro o riduzione dell’orario lavorativo pr almeno 30 giorni, è prevista la sospensione del pagamento per la rata dei mutui.

I dipendenti della pubblica amministrazione che si assentano dal lavoro per malattia dovuta a qarantena o isolamento domiciliare non sarà previsto il taglio dello stipendio che si applica nella malattia, tale periodo, infatti, sarà equiparato ad un ricovero ospedaliero.

Estensione carta famiglia e altre misure

Per le famiglie che risiedono nelle zone rosse prevista l’estensione della Carta Famiglia, prevista per chi ha 3 o più figli, anche alle famiglie che hanno un solo figlio a carico.

Il governo, inoltre, stanzia fondi per le Pmi per sostenere le aziende in crisi. Per le aziende operanti nella zona rossa, inoltre, è prevista priorità per l’accesso al credito

Per i lavoratori delle aziende private che operano nella zona rossa è prevista la cassa integrazione ordinaria che, poi, può essere erogata anche ai dipendenti di aziende fuori della zona rossa, che però abitano o sono domiciliati nelle zone di isolamento.

Introdotta dal decreto anche l’indennità per i lavoratori autonomi di 500 euro al mese (al massimo per 3 mesi) che riguarderà professionisti con rapporti co.co.co e  agenti di commercio che svolgono la propria attività nel comuni della zona rossa o che vi siano domiciliati.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.