Stop al commercio dell’avorio in Cina. Bloccato il mercato delle zanne degli elefanti

Scattato la fine del 2017 il divieto di comprare e vendere l’avorio in Cina per bloccare il bracconaggio degli elefanti.

La Cina compie passi da gigante fermando il più grande commercio di contrabbando delle zanne degli elefanti africani. È scattato il 31 dicembre 2017 il divieto di compravendita dell’avorio. Un intervento necessario per fermare la carneficina degli elefanti, tanto che oggi, rientrano nelle categorie di animali a rischio di estinzione.

La maestosità delle zanne degli elefanti preda di bracconieri senza scrupoli

Per anni abbiamo assistito alla strage degli elefanti a opera di bracconieri senza scrupoli. Dal canto suo la Cina era il fulcro d’importazione, dove transitava circa il 70% dell’avorio di contrabbando. Anno dopo anno i bracconieri hanno razziato più di 30mila esemplari. Oggi, in Africa ne restano circa 350mila. Di questo passo l’estinzione degli animali dalle zanne maestose, rischia la fine tra meno di dieci anni.

Cina la svolta in nome dell’ambiente

Il commercio cinese di contrabbando dell’avorio, chiude lasciandosi alle spalle un percorso di carneficina che parte dall’Africa sub-sahariana fino alla sud-est asiatico. Da Pechino è arrivata la svolta. Oggi è illegale qualsiasi forma che porti alla trattazione, oppure alla vendita delle zanne d’avorio degli elefanti, o delle parti dell’animale. Si blocca il più immenso mercato del mondo dell’avorio. L’obbiettivo è quello di fermare l’eccidio degli animali, ponendo un freno all’estinzione della razza di elefanti africani.

Parte dal 2018 la compagnia di motivazione sostenuta dal Wwf, dal WildAid, dalla China Wildlife Conservation Association (Cwca) ecc. l’iniziativa è rivolta a creare un habitat sicuro per gli elefanti.

L’Onu invita tanti Paesi a porre un freno al commercio di avorio. Le risposte positive non sono mancate, tanto che molti Stati hanno promosso iniziative in favore dell’ambiente. L’unica eccezione al momento sembra essere posta dagli Stati Uniti, che non intendono mantenere gli impegni ambientali internazionali assunti dai governi precedenti.

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein