Superbonus 110%, quando spetta alle persone fisiche?

In quali casi le persone fisiche (e non i condomini) possono fruire del nuovo superbonus al 110% previsto ed introdotto dal Decreto Rilancio all’articolo 119?

Il Decreto Rilancio ha introdotto, all’articolo 119, l’agevolazione per eseguire i lavori in casa “gratis”; misura che subito è stata chiamata “bonus 110%” o “superbonus 110%” dai media.La nuova agevolazione fiscale, in effetti, è molto più conveniente rispetto a quelle attualmente in vigore, visto che spinge la detrazione spettante oltre la soglia del 100%.

Superbonus 110%, quando per le persone fisiche?

In ogni caso il superbonus 110% spetta solo a soggetti circoscritti e non ad una amplia platea di possibili beneficiari come si potrebbe pensare.

Dell’agevolazione che permette la detrazione del 110% della spesa sostenuta, infatti, possono beneficiare, in base a quello che prevede la normativa di riferimento i condomini, le persone fisiche che eseguono i lavori ricompresi nell’agevolazione sull’abitazione principale e gli IACP oltre alle cooperative di abitazione.

Per i condomini la detrazione al 110% è prevista solo per interventi nelle parti comuni e tali spese devono essere ripartite tra i vari condomini in base alla quote millesimali. La normativa per i condomini non  precisa altre specifiche tecniche, neanche la tipologia di unità immobiliare ubicata nel condominio.

In caso di spese su parti comuni condominiali anche i lavoratori autonomi e le imprese possono beneficiare del superbonus nel caso che l’unita immobiliare si trovi in un condominio che beneficia della detrazione.

Detrazione al 110%, quando per persone fisiche?

Le persone fisiche possono fruire dell’agevolazione fiscale quando la spese è sostenuta su unità immobiliari adibite ad abitazione principale (sono escluse, in questo caso, gli immobili dell’attività d’impresa, arti e professioni).

Gli interventi da eseguire sul proprio immobile per avere diritto alla super agevolazione sono quelle di:

  • efficientamento energetico su edifici unifamiliari adibiti ad abitazione principale (non è possibile, quindi, chiedere la detrazione se l’immobile si trova in un condominio e si decide di ristrutturare parti non comuni).
  • interventi previsti dalla normativa del superbonus eseguiti su uffici e negozi anche se facenti parte di un condominio.

I lavori per cui il superbonus 110% è previsto sono :

  • isolamento termico delle superfici opache verticali ed orizzontali della parte esterna dell’edificio (a patto che incidano per una percentuale superiore al 25% della superficie dell’edificio)
    sostituzione degli impianti di riscaldamento esistenti su parti comuni degli edifici
  • interventi su edifici unifamiliare adibiti ad abitazione principale per sostituzione degli impianti di riscaldamento esistenti
  • interventi di efficientamento energetico

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.