Taglio delle detrazioni fiscali del 19% su spese scolastiche, polizze vita, retta universitaria, novità nella legge di Bilancio

Nella prossima legge di Bilancio 2020 previsto il taglio delle detrazioni fiscali al 19%, ecco di cosa si tratta e le spese che saranno limitate.

Nella prossima legge di Bilancio 2020 previsto il taglio delle detrazioni fiscali al 19% per grandi contribuenti. Si tratta di una nuova misura che colpisce i grandi contribuenti, ossia, coloro che dichiarano oltre 120.000 euro di reddito annuo. 

Quali detrazioni saranno sottoposte al taglio

In particolare il taglio delle detrazioni colpirà le polizze vita, le spese scolastiche, le rette universitarie e le attività sportive dei giovani.

La misura è ancora allo studio, viene precisato che non saranno toccate tutte le agevolazioni al 19%, è probabile che rimarranno intatte e per tutti, indipendetemente dal reddito complessivo annuo, quelle sulle spese mediche e sugli interessi dei mutui per l’acquisto della prima casa, le detrazioni con percentuali diverse dal 19% (come quelle sui lavori in casa) e le deduzioni (come quella sui contributi Inps pagati per colf e badanti).

Contributi colf e badanti, il pagamento del 3° trimestre entro il 10 ottobre


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”