Tassa sulle cassette di sicurezza al 20%: ecco la proposta di Salvini

Salvini propone una tassa sulle cassette di sicurezza. Ecco di cosa si tratta

Durate la trasmissione “Porta a porta” di Bruno Vespa, il vice premier, Matteo Salvini, ha lanciato una proposta far sì che il contante nascosto nelle cassette di sicurezza in Italia e all’Estero, possa essere riutilizzato. Una tassa sulle cassette di sicurezza. Questa è una vecchia idea proposta anche all’epoca del governo Renzi, che ebbe scarso seguito per le innumerevoli polemiche scatenate.

Tassa sulle cassette di sicurezza: la proposta di Salvini

Per Matteo Salvini, il prolungamento del termine per aderire alla Rottamazione Ter e al saldo e stralcio non è sufficiente. Quindi, ha rimesso sul tavolo una vecchia proposta del PD, una pace fiscale per far emergere il denaro contante depositato nelle cassette di sicurezza, non utilizzato. Per trovare fondi per gli investimenti si potrebbe proporre un’imposta sui contanti depositati in cassette di sicurezza e dare quindi la possibilità di riutilizzarli, in questo modo lo Stato incasserebbe miliardi di euro per rinvestire nella crescita. Salvini ha spiegato che intende quel denaro che gli italiani hanno sotto il materasso, li fermo.

Tassa sulle cassette di sicurezza: la proposta del PD

Ma il procuratore di Milano Francesco Greco, già nel 2016, aveva fatto una stima che i contanti nelle cassette di sicurezza erano all’incirca 150 miliardi, precisando che sicuramente si tratta di denaro di illecita provenienza.

Salvini, nella sua proposta non ha specificato l’aliquota da pagare per far emergere i contanti nascosti. Facciamo presente che questo tipo di proposta era già inclusa nella voluntary disclosure del governo Renzi, ma dopo le polemiche e un intervento critico del capo dello Stato Mattarella, non è stata portata avanti. L’intenzione era quella di far pagare una aliquota del 35% delle somme emerse nei redditi soggetti alle normali aliquote Irpef. Era prevista anche l’esclusione dalla punibilità per determinati reati, come il riciclaggio, punto ora al vaglio della Consulta per possibile illegittimità costituzionale.

Tassa sulle cassette di sicurezza: le critiche

IL deputato PD Luigi Mattarin, che nonostante era stato proprio il PD a promuovere inizialmente questa proposta e nonostante i soldi sono quasi certamente proventi illeciti, ha commentato: “L’avevamo detto che sarebbero arrivati a toccare i risparmi degli italiani.” Anche il capogruppo Pd alla Camera, Graziano Delrio, ha criticato la proposta dicendo che è “inquietante la proposta di Salvini” e ciò “rivela lo stato confusionale del governo. In dodici mesi hanno azzerato la crescita e aumentato l’indebitamento”.

Il deputato Pd Emanuele Fiano invece si chiede se Salvini vuole finanziare la prossima legge di bilancio, condonando i soldi della Mafia. Ciò sarebbe un enorme regalo alla Mafia.

Salvini a fronte d tutte queste critiche, con un video post su Facebook, ha voluto chiarire che non intende mettere tasse sui risparmi, sui conti correnti degli Italiani o su cassette di sicurezza, ma l’unica proposta è quella di una pace fiscale per chi volesse sanare la propria posizione di irregolare al riguardo di cifre contanti.

Tassa sulle cassette di sicurezza: aliquota del 20%

La voluntary bis renziana per l’emersione del contante ebbe uno scarsissimo successo. Perché la procedura doveva essere svolta alla presenza di un notaio che doveva verbalizzare tutto ciò che era presente nella cassetta di sicurezza. Inoltre il contribuente doveva dichiarare che gioielli e denaro non erano proventi di attività illecite. I professionisti che assistevano il contribuente e gli intermediari dovevano segnalare gli importi ai fini della prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. Per chi dichiarava il falso la pena era tra i 18 mesi e i 6 anni di carcere.

La proposta del leader legista potrebbe avere successo perché in queste ore si parla di una tassa 15-20% sulle somme in contati nascoste nelle cassette di sicurezza. In questo modo si cerca di portare a conclusione la proposta, ciò che non sono riusciti a fare i governi precedenti. Incassando in questo modo milioni di euro evitando la manovra di bilancio troppo onerose a fine anno.

La voluntary disclosure sulle cassette di sicurezza va considerata come una pace fiscale per far sì che quei capitali inutilizzati vengono rimessi in circolo ed evitare che vanno a finanziare attività terroristiche e mafiose.

Nessun limite di spesa in contanti per Salvini, ecco cosa afferma

 

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.