Allarme smartphone, danneggia gravemente la vista, arriva la conferma

Lo smartphone, danneggia la vista, ecco perché.

L’uso eccessivo di smartphone, danneggia la vista.

Gli ottici, mettono in allerta tutte le persone che fanno uso eccessivo di telefonini o computer. Affermano che le persone sono così dipendenti dagli smartphone che potrebbero aumentare il rischio di danni permanenti agli occhi.

Stanno avvisando l’uso eccessivo di telefoni e altri dispositivi come computer, tablet e TV a schermo piatto possono portare a danni a lungo termine.

Da un sondaggio effettuato, sono più a rischio i bambini

.

La luce blu viola è potenzialmente pericolosa e tossica per la parte posteriore dei occhi, la tensione dei muscoli interni dell’occhio, peggiora gravemente la circolazione sanguigna. In questo modo si rallenta notevolmente la vista.

È la combinazione di non battere le palpebre e portare il dispositivo più vicino di quanto tu normalmente guardi gli oggetti, crea un danno non indifferente agli occhi.

Quindi, avere questa abitudine, di stare troppo tempo davanti al computer o ai telefoni, per un lungo periodo di tempo può potenzialmente danneggiare gli occhi.

Gli ottici dicono che, sebbene sia necessaria una “buona” luce blu (blu-turchese) per aiutare a regolare gli orologi biologici, si ritiene anche che un’ampia esposizione alla luce blu viola possa disturbare il sonno e influenzare gli stati d’animo.

Gli esperti dell’associazione tedesca Verein Kuratorium gutes Sehen, hanno confermato il danno che crea l’uso troppo frequente di questi dispositivi. In oltre, usare lo smartphone prima di addormentarsi, crea un vero e proprio disturbo del sonno. La sera, le pupille si dilatano e la luce del telefono, oltre a creare la cecità temporanea crea problemi seri di salute fisica e mentale.

Gli esperti, avvertono che la cecità temporanea, dovuta dall’utilizzo troppo spesso dello smartphone, si produce nel momento in cui ci concentriamo con un solo occhio sul display del computer o telefonino, e a lungo andare crea danni permanenti. I sintomi di cecità, cominciano ad apparire già da subito, ed i danni causati alla retina, difficilmente si possono correggere.

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.