App Wetaxi per conoscere in anticipo il prezzo della corsa

App Wetaxi aprirà in 40 città d’Italia, permettere di prenotare o richiedere un taxi, e conoscere in anticipo il prezzo della corsa.

Wetaxi, l’applicazione con tantissime funzioni per i viaggiatori. Si tratta di un’applicazione realizzata al Politecnico di Torino, è già disponibile in diciannove città italiane e per fine anno sarà possibile utilizzarla in 40 città. Wetaxi attualmente coinvolge duemila tassisti in tutt’Italia.

Wetaxi: il taxi con l’app

L’app fornisce innumerevoli servizi tra questi la possibilità di conoscere in anticipo il prezzo della corsa. Basa inserire il punto di partenza e quello di destinazione indica il costo effettivo della corsa, qualora in tassametro dovesse indicare un prezzo diverso da quello calcolato da Wetaxi, sarà addebitata la cifra più bassa delle due, indipendentemente dal metodo di pagamento scelto. Se invece, il tassametro riporti un prezzo superiore, si pagherà quello stabilito dall’applicazione. In questo modo i furbetti del tassametro dovranno arrendersi ed applicare le giuste tariffe.

Per fine anno aprirà in 40 città d’Italia

Massimiliano Curto, fondatore e amministratore di Wetaxi, ha dichiarato che per fine anno saranno 40mila le città coinvolte. Inoltre, spiega che l’applicazione è nata per fornire ai clienti una modalità conveniente, sicura e diretta, facilitando la prenotazione e richiesta di un taxi, senza dimenticare chi guida.

WhatsApp, come abbandonare i gruppi senza esser notati

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”