Bloccato su WhatsApp? Ecco il trucco per comunicare lo stesso

-
05/04/2019

Se un utente A blocca un utente B su WhatsApp, quest’ultimo ha la possibilità di contattarlo usando un modo del tutto originale e funzionante.

Bloccato su WhatsApp? Ecco il trucco per comunicare lo stesso

L’app di messaggistica istantanea più famosa degli ultimi anni, WhatsApp, come tutti sanno, dispone di numerose funzionalità gestite totalmente dall’utente. Tra queste funzioni, una delle più utilizzate è sicuramente quella del blocco con cui possiamo troncare definitivamente la conversazione con una persona che non ci sta particolarmente simpatica o che magari ci infastidisce soltanto. Così facendo, non riceveremo alcun messaggio molesto. Ma c’è un’opzione: è possibile chattare con chi ci ha bloccato, ma è necessario l’aiuto di un complice. Vediamo il trucco da svolgere.

WhatsApp, è possibile chattare anche se c’è il blocco

Un modo, un trucco molto semplice quello che andremo a spiegare. Nonostante sul web girino tutorial non proprio attendibili su come chattare con chi ci ha bloccato, oppure vengano sponsorizzate app molto pericolose, un modo più semplice e che non implica chissà che grande intervento c’è: creare un gruppo u WhatsApp. Per fare ciò, come abbiamo precedentemente detto, è necessario l’aiuto di un’altra persona. Una volta trovato un complice, l’operazione, seppur pericolosa, è davvero semplice da fare.

Il trucco

Molto banale direte, ma anche molto furba che non vi fa rischiare nulla su vostro cellulare, cosa che potrebbe accadere con app esterne ecc. Infatti, il nostro complice dovrà semplicemente realizzare un gruppo WhatsApp ed inserirci sia la persona bloccata che quella che ha bloccato il “mal capitante”. Così, i due potranno continuare a chattare e la persona che è stata bloccata non potrà essere bloccata nuovamente dalla stessa. Pertanto, potranno essere letti e visualizzati i messaggi di tutti i componenti. Praticamente, non c’è via di scampo!


Leggi anche: Bonus autonomi da 1000 euro nel 2021: requisiti delle nuove indennità del decreto Ristori 5

In precedenza avevamo detto che si trattava di un’operazione pericolosa, ma non tanto per un aspetto tecnico o legato a Internet, ma più che altro per motivi personali. Infatti, se una determinata persona ci ha bloccato, ci sarà un motivo che però può essere chiesto e questo è un ottimo modo per farlo.