Contributo per il decoder DVBT2 di 50 euro: non viene dato a tutti

-
16/11/2019

Contributo per il decoder DVBT2 di 50 euro e solo per chi ha UN’ISEE inferiore ai 20mila euro.

Contributo per il decoder DVBT2 di 50 euro: non viene dato a tutti

Nella nuova manovra il Governo ha previsto un contributo per il decoder DVBT2 o una Smart TV dotata di scheda DVBT2, di 50 euro ma non a tutti, avranno questo contributo solo chi ha un’ISEE non superiore ai 20mila euro. Per ottenere questo contributo bisogna aspettare prima che venga pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, una volta avuta la certezza bisogna recarsi dal rivenditore dichiarando di non avere un’ISEE superiore ai 20mila euro e che nessun componente dello stesso nucleo familiare ne abbia già usufruito. Con il contributo si avrà la possibilità di un solo dispositivo ad abitazione.

Contributo decoder DVBT2: vediamo effettivamente in cosa consiste

Tra gennaio 2020 e luglio 2021 le emittenti passeranno al nuovo formato abbandonando anche la frequenza dei 700 Mhz, questo vuol dire che chi ha un televisore Smart DVBT non potrà più accedere al digitale terrestre. Chi non deve farsi prendere dal panico è chi ha acquistato i televisori da gennaio 2017, avevano già l’obbligo di essere venduti con il nuovo sistema TV DVBT2, tranne che nell’acquisto non vi è stata data una rimanenza. Altra preoccupazione è per chi in casa possiede più televisori, e se non sono di ultima generazione per vederli bisogna aggiornarsi.

In totale sono 151 milioni di euro i fondi stanziati per questa operazione e saranno erogati a scaglioni a partire dal 2019 fino ad arrivare al 2021. La cosa assurda è che questa cifra per il contributo basterà a soddisfare solo 3 milioni di utenti, mentre le famiglie con questa esigenza sono tra i 4 e i 5 milioni, quindi chi prima riuscirà a prendere l’incentivo è a posto, gli altri, i ritardatari, rimarranno senza incentivo.


Leggi anche: Canone RAI, per chi evade multa da 600 euro e rischio carcere

Ci sono molti dubbi sui tipi di apparecchi da acquistare, ma il Mise ha assicurato che verrà aperto un call center per dare informazioni più dettagliate e aiutare l’utente all’acquisto, l’unica certezza che è stata data è per l’acquisto sia ben specificato che il decoder deve essere DVBT2 con codec HEVC a 10 bit profilo main 10.

Incentivi decoder e smart tv, partono a dicembre