Cosa succederà da oggi in poi a chi possiede uno smartphone Huawei?

-
20/08/2019

Il 19 agosto è scaduta la sospensione del ban Huawei: cosa succederà adesso all’azienda cinese e a chi possiede uno dei suoi smartphone?

Cosa succederà da oggi in poi a chi possiede uno smartphone Huawei?

Il 19 agosto è scaduta la proroga di 3 mesi firmata dal Dipartimento del Commercio americano per permettere alle aziende statunitensi di continuare a vendere i loro prodotti a Huawei. La decisione è stata presa dal Presidente degli Usa Trump, che ha inserito la società cinese in una blacklist. Quali saranno le conseguenze di tutto ciò su chi possiede degli smartphone Huawei o ha intenzione di acquistarne?

Cambiamenti futuri

Come già si prospettava qualche mese fa, le novità saranno pressoché nulle. Per quanto riguarda l’azienda, essa non potrà più intrattenere rapporti commerciali con le società statunitensi, compresa Google, che fino ad ora forniva il sistema operativo agli smartphone Huawei. Il danno, però, potrebbe gravare soprattutto sulle aziende statunitensi stesse.

Per quanto riguarda i clienti del marchio cinese, anche in questo caso non c’è da preoccuparsi. Chi possiede già un prodotto Huawei, infatti, continuerà a ricevere gli aggiornamenti software e le patch di sicurezza. Diversamente sarà per chi acquisterà in futuro i nuovi prodotti: Google, infatti, potrebbe non rilasciare la licenza ufficiale Android per i prossimi smartphone. Di conseguenza, nei nuovi dispositivi non saranno presenti le app Google, il Play Store e, probabilmente, nemmeno gli aggiornamenti. E’ proprio quest’ultimo punto che spaventa l’azienda e i suoi clienti ed è per questo che si sta lavorando per evitare complicazioni varie.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Huawei e il nuovo sistema operativo

Come evitare ulteriori problemi senza dipendere da Google? Huawei ha pensato a tutto e questa situazione potrà anche metterle i bastoni tra le ruote, ma non potrà fermare il suo successo. Qualche giorno fa l’azienda ha presentato un sistema operativo multi-piattaforma chiamato HarmonyOS che farà il suo debutto nelle prossime settimane sul primo smart TV di Honor. Per il momento non è previsto l’uso del sistema operativo sugli smartphone, ma in caso di necessità Huawei non esiterà a farlo.

Ti potrebbe interessare anche: Cellulare che si scarica troppo in fretta? Attenzione a Google Play Services