Fine dell’Universo: ecco come sarà e quando in una semplice spiegazione

Come finirà il nostro Universo e soprattutto fra quanto tempo?

Tutti gli astronomi sono d’accordo sul fatto che prima o poi l’Universo avrà una fine ma quello che non li accorda è la causa che porteranno alla morte dell’Universo.

Cosa potrebbe accadere in futuro? Ci sono due ipotesi che sembrano piuttosto sensate, ma entrambe sono spaventose, vediamo di cosa si tratta.

Ogni cosa ha un inizio e una fine inclso il nostro Universo, ma come sarà la fine di tutto ciò che tutti conosciamo e, soprattutto, quando accadrà?

Fine dell’Universo: scontro tra galassie?

Partendo dal nostro sistema solare, che è l’area di Universo che meglio conosciamo, tra 1 miliardo di anni il sole sarà il 10% più luminoso rispetto ad oggi aumentando, irrimediabilmente la temperatura della superficie terrestre e portando gli oceani ad evaporare rapidamente. Questo porterà la vita sulla Terra in gran parte ad estinguersi.

Nessuno potrà testimoniare , in questo modo, il prossimo grande evento che si verificherà tra 4 o 5 miliardi di anni. Ora che la Via Lattea è impegnata in una danza gravitazionale con la galassia Andromeda. Le due galassie, infatti, si stanno correndo una contro l’altra a più di 400mila Km/h e si scontreranno tra meno di 5 miliardi di anni. Gli astronomi, però, hanno predetto che nonostante lo scontro il nostro sistema solare rimarrà intatto.

Continua espansione, a cosa porterà?

Tra 5 e 8 miliardi di anni il nucleo del Sole subirà un cambiamento che causerà un’enorme espansione del Sole fino a travolgere Mercurio, Venere e forse anche la Terra.

Ma non si sta espandendo solo il nostro sole, sta succedendo a tutto l’Universo e mano a mano l’espansione è più veloce. Se dovesse continuare ad accelerare tra 100 miliardi di anni la distanza tra le galassie crescerà così tanto che la luce proveniente dalle galassie lontane non ci raggiungerà più e non saremo più in grado di studiarle al di fuori di quelle del nostro Gruppo Locale, un insieme di 50 galassie legate tra di loro dalla gravità. Ma con il tempo tutte queste galassie del Gruppo Locale, compresa la nostra, si fonderanno in una sola galassia. Non sarà più possibile a causa della lontananza provare a comunicare con le altre galassie lontane.

La morte delle stelle

Se guardiamo ancora oltre, a fra 100 bilioni di anni, inizierà la “Degenerate Era”  in cui le stelle dell’Universi moriranno trasformandosi in affievoliti e freddi residui. Con il tempo (molto tempo) questi resti stellari usciranno dalla loro galassia o confluiranno nell’enorme buco nero al centro di essa.

Con il passare ancora di miliardi e miliardi di anni a dominare sull’Universo saranno i buchi neri inaugurando l’inizio della “Black Hole Era”. Ma l’Universo esisterà ancora. Con il tempo anche i buchi neri moriranno perdendo la loro massa a causa del fenomeno chiamato radiazione di Hawking. Quando l’ultimo buco nero evaporerà nel nulla l’universo, secondo quello che credono gli astronomi, continuerà ad espandersi  ma nel processo si raffredderà e perderà energia.

Quando non avrà più energia per produrre nuovi pianeti e stelle l’Universo si estinguerà.

Big Rip

Questa previsione, ovviamente, si trova a milioni di miliardi di anni nel futuro, ma un’altra previsione, meno certa, potrebbe verificarsi prima. Si tratta del Big Rip, che si verifica quando la misteriosa forza che spinge l’Universo ad espandersi diventerà così forte da distruggere qualsiasi pezzo essenziale di ogni atomo nell’Universo. Alcuni astronomi hanno stimato che potrebbe avvenire tra un trilione di anni.

In entrambi i casi l’universo rimarrebbe senza luce e vita, in un futuro tetro.

Patrizia Del Pidio

Sono attualmente direttrice responsabile della testata online Investireoggi.it e collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it.Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.