Gravidanza indesiderata? No grazie ad un’applicazione

La tecnologia a servizio delle donne; è stata realizzata un’applicazione in grado di evitare la gravidanza indesiderata. ecco uno studio su 718 donne.

Una buona quantità di donne resta incinta in modo indesiderato, nonostante le diverse precauzioni disponibili più oggi di ieri. Eppure, spesso, non basta. Per carità, una gravidanza è sempre un qualcosa di magico, ma spesso capita che magari arriva in un momento non proprio buono nella vita di una donna, pensiamo al caso delle minorenni che ad un tratto si ritrovano madri di un bambino con cui hanno meno di venti anni di differenza. Questa situazione non è sfuggita al mondo delle app, il quale ha realizzato un’applicazione per evitare la gravidanza indesiderata. Diamo un’occhiata per saperne di più.

Gravidanza indesiderata, lo studio su 718

Quello di cui vi abbiamo appena parlato non è fantasia, ma realtà. Infatti, a presentare un simile progetto sono i ricercatori dell’Istituto per la salute riproduttiva della Georgetown University, i quali, grazie all’app Dot Fertility, hanno portato alla luce alcuni interessanti risultati. Sullo European Journal of Contraception e Reproductive Healthcare hanno spiegato poi, com’è possibile evitare una gravidanza indesiderata facendo ricorso all’aiuto della tecnologia.

In pratica l’app si basa sull’algoritmo del software il quale permette di predire per ogni giorno del ciclo mestruale quali siano i giorni di fertilità alta o bassa. La percentuale di fallimento è del solo 5 per cento. Praticamente l’app equivale ad alla famosa pillola o l’anello vaginale. In effetti non è un male avere un supporto tecnologico a portata di mano che ci fa capire quando le donne sono in periodo fertile e quando meno, così anche da potersi controllare.

Come già è stato accennato dal sottotitolo, l’app è stata provata da un totale di 718, per lo più si tratta di donne dai 18 e ai 39 anni. Quest’ultime hanno partecipato alla ricerca e sono state seguite da degli esperti per circa ben 13 cicli, ai quali raccontavano la loro intima storia sessuale. In totale sono stati contati ben 6.616 cicli mestruali. E per quanto riguarda quel famoso 5 per cento, si contano soltanto 24 casi di gravidanza indesiderata, e per lo più tale errore è stato commesso dalle stesse in quanto hanno avuto rapporti sessuali non protetti in giorni di alta fertilità. Mentre, c’è stata una sola gravidanza indesiderata nonostante la partecipante abbia usato correttamente l’app.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.