Iliad: richieste per nuove installazioni in Italia. Rete proprietaria in vista?

La rivoluzione Iliad continua sul territorio italiano, spargendo i suoi semi lungo tutto lo stivale. L’obiettivo dei 2 milioni di utenti ha dato il via alla nuova offerta da 7,99 euro, apprezzata da tanti e criticata da una minoranza insoddisfatta. Secondo gli accordi iniziali, Iliad ha diritto di usufruire delle antenne Wind Tre, tramite ran sharing, fino al 2025. Tuttavia l’accordo è prorogabile per altri 5 anni, ma l’operatore francese è già al lavoro sulla messa a punto di una rete proprietaria.

L’accordo 5G e nuove antenne Iliad in tutta Italia

Principale braccio destro di questa mossa è il Parlamento Europeo, che grazie alle ultime norme concede ad Iliad, come ultima arrivata, il privilegio di usufruire della banda 5G da 700Mhz, senza il bisogno di partecipare all’asta. Un vantaggio notevole ed un regalo piuttosto gradito che offre una chiave importante per il successo futuro. Nel frattempo Iliad lavora sula rete proprietaria ed inoltra tre richieste per nuove installazioni al Municipio XV del Comune di Roma.

Ricordiamo che al momento la rete Iliad si appoggia sulle antenne Wind e Wind Tre, laddove il lavoro di unificazione è stato completato. Tutte le antenne proprietarie, presenti a Torino, Milano e, a breve, a Roma, non sono ancora entrate in funzione. Se ne presume l’attivazione verso la fine dell’anno, ma senza comunicati ufficiali è ancora presto per parlare.

Nessuna novità, inoltre, per quanto riguarda il possibile accordo INWIT, ma vi terremo informati, qualora ce ne fossero.

Iliad: richieste per nuove installazioni in Italia. Rete proprietaria in vista? ultima modifica: 2018-09-07T16:00:39+00:00 da Francesco Scala