Iliad: le segnalazioni e il punto sui contatori sballati. I dati della rivoluzione

Iliad e le polemiche da parte degli utenti: i contatori per molti non sono veritieri. Sarà cosi? I dati sulla rivoluzione da 1,2 milioni di utenti.

Tra haters e utenti insoddisfatti sono tante le voci che girano su Iliad. Abbiamo visto come molte di queste risultavano infondate, mentre ad altre abbiamo cercato di dare delle soluzioni. Stavolta ci troviamo davanti ad una discussione abbastanza calda sui social: i contatori dell’Area Personale; sono reali? Contano GB in più? Sono creati apposta per far consumare i GB più velocemente?

Iliad e l’Area Personale: sfatiamo qualche mito

Il problema nasce dal fatto che qualche utente ha segnalato un consumo non veritiero del file scaricato, in seguito ad un download. Da lì c’è chi s’è posto dalla parte dell’operatore, giustificando i motivi per cui ciò è naturale che accada, e chi invece è rimasto fermo sulla sua idea. Ancora una volta l’ha vinta Iliad per un semplice motivo: durante un download non vi sono soltanto dati in entrata, ma anche dati in uscita dal protocollo TCP, necessari per il monitoraggio della rete. Questi dati su rete mobile, solitamente, si avvicinano al 6% del pacchetto scaricato. Ad esempio su un file scaricato di 1.2GB si consumeranno 0,12GB aggiuntivi di dati in uscita (su rete Iliad).

Un vero problema riguarda i contatori minuti e SMS, che da qualche settimana non riportano più le ore di chiamata effettuate e i messaggi inviati. E’ anche vero che l’offerta Iliad prevede che entrambi siano illimitati, ma a molti farebbe comodo vedere quanto tempo è stato al telefono. Una limitazione alla quale, probabilmente, staranno già ponendo rimedio.

Un po’ di dati sulla Rivoluzione Iliad

Una rivoluzione da ben 1,2 milioni di abbonati nel giro di 3 mesi, la maggior parte strappati dalle compagnie avversarie. I dati parlano chiaro: le portabilità da Vodafone hanno subito un incremento del 17% rispetto al precedente trimestre, e chi se la vede peggio è proprio Wind Tre: 40% delle portabilità da quest’ultimo, contro il 25% di Vodafone e il 25% di Tim. Gli MNVO si trovano sul fondo con un solo 10%. Sarebbe interessante capire le stime raggiunte da ho. Mobile, tanto per fare un confronto, ma per ora non si hanno notizie in merito.