IPhone XI 2019, come sarà: prime foto ufficiali

Il nuovo iPhone XI 2019, ricalcherà quello già fatto dal designer Ben Geskin per l’iPhone Xi e l’iPhone Xi Max, le novità.

Il nuovo iPhone XI 2019, ricalcherà quello già fatto dal designer Ben Geskin per l’iPhone Xi e l’iPhone Xi Max, e proprio per questo i prodotti Apple riescono ad essere sempre avanti agli altri. Le indiscrezioni che circolano però, secondo le opinioni pubblicate dai clienti, si parla di un design bruttino per quanto riguarderà i melafonini. La cosa che secondo gli utenti lo imbruttisce è, l’enorme box quadrato che racchiude le tre fotocamere posteriori, anche se, come sappiamo, i prodotti Apple, sono stati sempre prodotti di classe. Subito si è avuta risposta dal designer Ben Geskin, che ha realizzato i modellini futuri di iPhone 11 e iPhone 11 Max.

I dettagli dei futuri iPhone 11

Ben Geskin, ha postato su Twitter la foto della parte posteriore dei modellini a dimensione reale di iPhone XI e XI Max, mentre li tiene in mano. I due modellini sono stati realizzati basandosi sui più recenti render circolati in rete. In bella vista troviamo la tripla fotocamera all’interno dell’enorme quadrato sporgente, che integra anche il flash Led.

Ben Geskin poi ha voluto un pò sfidare gli utenti risentendosi un pò delle critiche avute a priori, e ha dichiarato ai follower: “Vi siete già abituati a questo design?” Le reazioni non sono mancate, si sono avute oltre 800 risposte e la maggior parte per niente positive. Addirittura un utente fa notare che Steve Jobs li avrebbe licenziati tutti. Un altro follower ha fatto notare la somiglianza tra le tre fotocamere e uno spinner, un altro ha postato una foto del corvo a tre occhi del Trono di Spade. Infinite sono state le emoji e le gif animate con i quali i follower di Ben Geskin hanno espresso il loro disgusto per il design.

Non sono mancati, anche se in minoranza, i commenti positivi, uno in particolare che diceva: “è brutto ma lo comprerò lo stesso”, un altro più tecnico invece ha dichiarato, “ha un senso, visto che l’approccio di Apple alle foto non si basa sul post processing delle immagini”.