Kena Mobile: la fusione con Tim ora è ufficiale

-
03/11/2019

È ufficiale, Kena Mobile adesso è ufficialmente un marchio Tim, si è conclusa la fusione per incorporazione.

Kena Mobile: la fusione con Tim ora è ufficiale

Si è conclusa con un lieto fine la fusione tra Kena Mobile e Tim. Esattamente dal 31 ottobre 2019 Kena Mobile operatore virtuale di telefonia mobile di Noverca srl scompare dal mondo della telefonia, e da questa data tutte le pagine del sito ufficiale dell’operatore virtuale Kena Mobile riportano Tim e non più Noverca.

Ecco cosa dice il comunicato

La comunicazione del passaggio e della fusione Kena Mobile con Tim effettivo dice: A seguito della fusione per incorporazione di Noverca srl in Tim spa, stipulata in data 31 ottobre 2019, ai sensi della normativa sulla protezione dei dati personali, si informa che il titolare dei dati personali della clientela dei servizi Kena Mobile è Tim spa e che le finalità e le modalità del trattamento, nonché delle altre informazioni contenute nell’informativa resa alla clientela relativi ai servizi Kena Mobile restano invariate.

Anche sui documenti informativi sulla privacy e sulla trasparenza tariffaria delle offerte commerciali dell’operatore virtuale Kena Mobile, sotto rete Tim, viene riportato che il nome dell’operatore è Tim spa. Nella comunicazione viene specificato che il titolare dei trattamenti dei dati personali della clientela dei servizi Kena Mobile è Tim e che rimangono invariate tutte le condizioni economiche e contrattuali relative ai servizi Kena Mobile.

Nel comunicato si legge che al momento le condizioni tariffarie di Kena Mobile non verranno modificate, dal primo novembre 2019 è stato sospeso il servizio sperimentale di commercializzazione Kena Casa, gli utilizzatori attuali continueranno ad usufruire del servizio secondo le condizioni contrattuali sottoscritte.

Per quanto riguarda le attuali offerte commerciali di Kena, non prevedono, in  promozione, il costo di 5 euro per la nuova SIM ricaricabile, il nuovo cliente paghera’ solo la prima ricarica che servirà a coprire il costo del primo mese dell’offerta che può attivare.


Leggi anche: Imu seconda rata: scadenza del 16/12, esenzioni e riduzioni

Down e disservizi di Tim, Vodafone, Wind e 3: cosa fare?