Le radiazioni dei cellulari ci mettono davvero in pericolo?

Che i cellulari emettano delle radiazioni si sa, ma non si sa per certo quali problemi possano causare. Alcuni scienziati hanno cercato di rispondere.

Spesso, non si può parlare di radiazioni senza pensare all’oggetto che più usiamo nel quotidiano, il cellulare. E’ vero, i cellulari emettono delle radiazioni, c’è anche chi parla di valori SAR, ma non tutte le notizie che si leggono sono vere, alcune sono fake news, altre sono semi vere e altre ancora sono vere a tutti gli effetti. Il vero problema è saper distinguere le une dalle altre. Una cosa è certa: i cellulari davvero emettono le radiazioni e questo lo diamo per certo dal fatto che è stato scientificamente provato. Sentiamo sempre dire: non dormire col cellulare in carica vicino che porta le radiazioni, oppure se chiami ed hai ancora la connessione al WiFi puoi rischiare di essere a contatto con le radiazioni. Sono state fatte numerose ricerche su questo tema e molti sono stati i risultati archiviati. Cerchiamo di vederci un po’ più chiaro.

Le radiazioni del cellulare che più ci fanno male, le ricerche degli scienziati

A dirci qualche cosa in più in questo settore sono gli scienziati che si sono occupati soprattutto di una domanda ben specifica che spesso ci facciamo: quali sono i rischi che possiamo incontrare con le radiazioni del telefonino? In merito a questa richiesta, sono state fatte tante ricerche e tanti studi, tutti con risultati univoci. Vediamone alcune di seguito.

Il primo a parlare è L’AIRC, il quale ha creato una vera e propria pagina informativa per quanto riguarda questo tema. Da questa pagina è possibile allacciarsi ad un’altra domanda molto frequente in materia di radiazioni: quelle dei cellulari possono provocare dei tumori? A detta della pagina, si evince che tramite degli studi effettuati si rileva che il rapporto tra radiazioni e la probabilità della nascita di un tumore è troppo lieve affinché ci possa essere davvero un legame vero e proprio. A questo c’è una spiegazione: la mancanza di legame tra le due parti deriva dal fatto che ci sono diverse tipologie di onde a radiofrequenza e che i nostri cellulari producono radiazioni con onde a radiofrequenza non ionizzate.

Certo, questo è un bel respiro di sollievo, però non c’è da stare troppo calmi lo stesso. Infatti, sempre a detta di questa pagina, le radiazioni emesse dai nostri cellulari possono provocare dei danni a chi ne fa troppo uso, anche se si tratta di danni minori, tra cui troviamo il riscaldamento dei tessuti.

Infine, per poter stare più tranquilli, dagli scienziati è stato imposto un valore SAR limite che non può essere superato, almeno nell’Unione Europea. Il limite di cui vi parliamo è di 2 watt per chilogrammo.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.