Mail pec malevola, ecco cosa consiglia Aruba

-
17/02/2020

Truffa mail pec con oggetto “Copia Cortesia – PDF fattura numero…”, fate molta attenzione vi rubano i dati, ecco i consigli di Aruba.

Mail pec malevola, ecco cosa consiglia Aruba

In questo giorni sta girando nella pec una mail malevola che si presenta con un allegato fattura copia di cortesia. Il messaggio riporta “Copia Cortesia – PDF fattura numero…“, sapendo che per pec arrivano anche le  fatture la prima cosa che viene spontaneo fare è aprire l’allegato, questo ci mette a grosso rischio, purtroppo, se le inventano tutte. La pec di Aruba rileva questa mail e consiglia cosa fare con il seguente messaggio.

Mail pec malevola: raccomandazioni utili

Gentile utente,
i sistemi automatici di Aruba PEC, Gestore di Posta Elettronica Certificata, hanno rilevato l’invio di email malevole verso la sua casella PEC.
La invitiamo pertanto a prestare la massima attenzione e a non aprire comunicazioni sospette ed eventuali allegati.

Come riconoscere l’email malevola

L’oggetto dell’email malevola è: “Copia Cortesia – PDF Fattura Numero …“;
L’email malevola contiene in allegato un file .zip che le raccomandiamo di non aprire;
L’email viene generalmente inviata da un mittente sconosciuto.

RACCOMANDAZIONI UTILI IN CASO DI SPAM

Ricordiamo infine di prestare sempre la massima attenzione alle email PEC ricevute, anche se da mittenti conosciuti.
Di seguito riepiloghiamo alcune indicazioni utili a prevenire eventuali altri invii malevoli:


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

  • Non scaricare o aprire gli allegati di mittenti sconosciuti;
  • Non cliccare link se non si è sicuri che la URL a cui fanno riferimento sia lecita;
  • Non inserire dati sensibili all’interno di form online, soprattutto se richiesti tramite email;
  • Non eseguire le macro dei documenti Microsoft Office;
  • Eseguire una scansione antivirus della propria postazione con software aggiornato;
  • Evitare di salvare la password della propria casella PEC sui dispositivi, di comunicarla a terzi e di utilizzarla per altri accessi.

Leggi anche: Truffa via email sulle cartelle esattoriali, l’Agenzia delle entrate avvisa i contribuenti