Ricaricare cellulare più velocemente, tutti i trucchi da conoscere

Spesso capita che il cellulare si scarichi all’improvviso, come possiamo evitare ciò? Ecco alcuni trucchi da seguire per essere sempre reperibili.

Oggi la vita è più frenetica: siamo costantemente di fretta, ma allo stesso tempo la società di cui facciamo parte ci chiede di essere sempre reperibili e sempre connessi. Ironia della sorte, spesso capita che, proprio nei momenti più importanti, il cellulare si scarica. Vediamo 5 trucchi per avere sempre il cellulare carico con noi.

Si alla presa a muro, no alla porta usb del pc

Assolutamente no alla porta usb del nostro PC, mentre si ai caricabatteria da muro, quelli si che sono davvero potenti. Questo perché, e non sempre tutti lo sanno, il nostro PC ha solo porte Usb 2.0, le quali possono distribuire soltanto pochissima corrente. Un altro motivo per cui vi sconsigliamo vivamente di caricare dal PC è che le porte Usb spesso non sono equipaggiate di tecnologie che permettono una ricarica veloce delle batterie.

Scegliere il caricabatterie giusto

Per chi non lo sapesse, anche il sistema di carica della batteria dello smartphone, sebbene possa sembrare semplice, in realtà un labirinto di tecnologie diverse, che nella maggior parte dei casi non sono compatibili tra di loro. Al giorno d’oggi, qualsiasi dispositivo appartenente alla fascia alta e media ormai sfruttano dei sistemi per caricare le batterie nel minor tempo possibile, cosa non che non accadeva in passato, ma ricordiamo che è molto importante usare caricabatterie specifici. I principali standard sono sono il Quick Charge di Qualcomm e lo UsbPower Delivery. Il Quick Charge è usato soprattutto, tra gli altri, da Samsung e Motorola, mentre il secondo da Apple e Google. OnePLus e altri usano uno standard proprietario.

E’ meglio spegnere

Questo trucco è sicuramente molto conosciuto e sembra portare comunque i suoi frutti: spegnere il cellulare durante la carica in modo da velocizzarla. E’ indicatissimo questo metodo per chi ha il caricabatterie veloce. E’ diverso il discorso di mettere il cellulare in modalità aereo: questo permette sicuramente un guadagno di tempo, ma più limitato rispetto al primo caso.

Ricariche wireless?

Sì, certo, sono anche molto comode: magari siamo a lavoro o in auto e approfittiamo della pausa pranzo per caricare il cellulare che non ci serve solo in quei pochi minuti, ma non è mai allo stesso livello del caricabatterie con il cavo. Come risultato ci ritroveremo un telefono con una carica meno stabile, oltre che a una carica lenta.

I Battery Pack ci salvano davvero?

Per tutti coloro che fanno una vita molto movimentata e quasi nomade, se vosì rendiamo meglio il concetto, è utilissimo avere con sé un battery pack. Quest’ultime sono delle batterie portatili che danno energia ai nostri dispositivi. Per star al passo coi tempi, dato i nuovi cellulari, vi consigliamo un battery pack potente, da almeno 7.000 milliampere, oltre che al cavo “piovra”, ovvero quello con più prese che ci permette di avere sempre a disposizione quello per caricare lo smartphone, ma anche per ricaricare lo stesso battery pack. Anche qui è bene spegnere il cellulare per avere una carica più rapida.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.