Truffa Conad, Alitalia e Carrefour, attenzione alle chat WhatsApp

-
08/08/2019

Un’ultima truffa fatta su WhatsApp tocca non solo i consumatori ma anche i brand Conad, Alitalia e Carrefour. Attenzione a quello che ricevete.

Truffa Conad, Alitalia e Carrefour, attenzione alle chat WhatsApp

Questa notizia arriva in Italia direttamente da un’agenzia di sicurezza russa, la quale ha scoperto l’attivazione di truffe fatte su WhatsApp, che andrebbero a danneggiare e rubare dati personali ai consumatori. La truffa interessa tre brand in particolare e sono la Conad, Carrefour e Alitalia, ed essa attua una vera e propria truffa di phishing. Si tratta di una truffa davvero geniale poiché i suoi ideatori hanno realizzato delle esche davvero interessanti. Esse sono: fantomatiche promozioni, offerte e coupon, che prevedono la partecipazione dei tre brand, cosa fatta all’insaputa degli stessi. Insomma, sono truffe che attirano il poverino di turno e gli fanno davvero male.
Per fortuna, una dei tre brand è riuscita a smascherare la truffa e si tratta di Alitalia la quale indagò su alcuni siti che operavano truffe, arrivando a scoprire progetto molto grande ideato dal gruppo hacker “Lotsy”.

Come avvengono le truffe ai danni di Conad, Alitalia e Carrefour

C’è da dire che questi hacker già nel 2017 avevano realizzato una truffa ai danni di Alitalia, promettendo regali, coupon, e biglietti aerei della compagnia aerea.

Da lì, gli hacker hanno pensato bene di inserire altri brand, appunto Conad e Carrefour, attraverso un sistema di messaggi via WhatsApp e Facebook.

Si tratta di una vera e propria rete in cui gli hacker riuscivano ad usare amici e colleghi della vittima come mittenti, permettendo, così, alla truffa di espandersi sempre di più.

La dinamica del loro progetto è la seguente: gli hacker usavano un sondaggio per sottrarre dati personali e indirizzare le vittime anche su siti di escort, sottoponendo loro servizi a pagamento, o derubandoli dei propri dati finanziari.


Leggi anche: Bonus auto 2021, il Senato approva il rifinanziamento degli incentivi per 350 milioni

Come posso evitare questa truffa?

Potete salvarvi se guardate con attenzione l’url del sito proposto, che spesso non ha nulla a che fare con il brand originale.

Esso, quindi, termina con estensioni originali e comprende specifici termini che fanno da esca.

Ma in generale, si dovrebbe sempre diffidare di siti web o promozioni che richiedono in modo insistente l’inserimento di dati finanziari e personali.

Leggi anche:

Nuova truffa con sms da Poste italiane, fate molta attenzione