Truffa WhatsApp, abbonamenti attivati per via di un messaggio

-
27/01/2020

WhatsApp è ancora luogo di truffe. L’ultima promette un iPhone 11 a poco prezzo ma attiva tanti abbonamenti attraverso un messaggio-trappola.

Truffa WhatsApp, abbonamenti attivati per via di un messaggio

Si tratta dell’ennesima truffa quella che si aggira su WhatsApp in questi giorni. Le vittime, senza saperlo, attivano dei servizi di abbonamento a pagamento e tutto per via di un messaggio. Purtroppo, questo dà dimostrazione di come l’applicazione verde non sia ancora migliorata dal punto di vista della sicurezza e della privacy. Tra l’altro, gli stessi utenti non sono in grado di differenziare un messaggio vero da quello fasullo. L’ultima truffa che è in giro si serve del metodo di diffusione della catena di Sant’Antonio: un messaggio chiede di essere inoltrato a più persone possibili. Così facendo, si inoltra la truffa ed il numero delle vittime aumenta sempre di più.

L’ultima truffa di WhatsApp attiva servizi a pagamento con un messaggio

La nuova truffa di cui vi vogliamo parlare, sfruttando il metodo di diffusione della catena di Sant’Antonio, attira le persone con una sorta di “premio”.

Il premio in questo caso è un iPhone 11, da poter comprare ad un prezzo stracciato.

Ovviamente, i creatori della truffa hanno gettato un’esca molto succulenta e le vittime, sperando nella dea fortuna, cliccano sul link riportato nel messaggio sperando di avere quel cellulare.

Purtroppo, quando si clicca su tale link si va ad attivare in automatico una serie infinta di servizi a pagamento che non sono richiesti dalla vittima.

Di conseguenza, viene svuotato il credito del malcapitato.

Poi, il messaggio viene condiviso come richiesto e questo aumenta la probabilità di vittime, e si svuotano più crediti.


Leggi anche: WhatsApp, cos’è Cerberus, l’app con cui spiare i contatti

Dall’altro canto, se in una piccola percentuale la colpa è di chi crede a tali messaggi fasulli, dall’altra è pur vero che WhatsApp, ormai facente parte della famiglia Facebook, dovrebbe migliorare l’aspetto sicurezza.

Un passo avanti è stato fatto in questo senso: si può inoltrare un messaggio ad un numero massimo di 5 persone.

Tale misura minima di sicurezza poco può servire visti gli esiti negativi.

L’unico consiglio che possiamo darvi è quello di non credere a nessun messaggio di questo tipo, a nessun messaggio che promette un oggetto di valore accessibile per via web.

L’unico modo per avere una cosa è comprarla!

 

Leggi anche:

Whatsapp, trasferisci account: la nuova funzione