Truffe telefoniche: attenzione agli squilli ruba soldi

-
21/04/2020

Scopriamo come respingere o evitare le truffe telefoniche da numeri stranieri sconosciuti sul vostro cellulare che vi rubano soldi

Truffe telefoniche: attenzione agli squilli ruba soldi

Fa parte delle truffe telefoniche più classiche, quella che di recente sta tornando di moda. Si tratta del sistema wangiri, ovvero lo squillo che ti frega soldi. Scopriamo di cosa si tratta e come evitarlo.

Truffe telefoniche: lo squillo dall’estero che frega soldi

Capita spesso di ricevere chiamate da numeri sconosciuti o telefonate assillanti da diverse città italiane, da gestori di compagnie di ogni tipo, dalla telefonia al gas, ma non è questo il pericolo che dobbiamo temere. Prestate attenzione invece agli squilli che vi arrivano dall’estero. Spesso trattasi di paesi come la Tunisia o la Gran Bretagna. Non sono vere e proprie chiamate ma semplici squilli. Vi conviene ignorarli, totalmente. Perché trattasi di vere e proprie truffe telefoniche. Il loro scopo è quello di farvi richiamare quel numero di cui avete ricevuto lo squillo. Basterebbe un semplice secondo chiamando quei numeri per fregarvi da un euro in su.

Come difendersi dalle truffe telefoniche?

La migliore cosa da fare è evitare di rispondere ai numeri sconosciuti, a meno che voi non siate dei liberi professionisti e col cellulare ci lavorate costantemente, con clienti o richieste da ogni numero telefonico, ma quando un numero chiama dall’estero è sempre bene non fidarsi. Sempre ammesso che non abbiate conoscenze, di cui non avete salvato il numero, in paesi stranieri. Ad ogni modo, spesso una semplice ricerca sul web del numero che vi ha chiamato potrebbe anche risolvervi il problema. Molti numeri molesti ad esempio sono segnalati come dannosi o fastidiosi, proprio sui motori di ricerca. Tuttavia, successivamente sarà bene bloccare, attraverso le impostazioni del vostro smartphone i numeri indesiderati, in modo che non possano tentare di chiamarvi nuovamente. Insomma, ricorrere alle black list è spesso il sistema più rapido per evitare seccature di televendita e truffe telefoniche che ci portano via diversi euro.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus