WhatsApp, cosa fare per cellulare smarrito o rubato?

-
11/09/2018

Cosa fare con WhatsApp quando il cellulare viene smarrito oppure rubato da altri? Ecco alcuni consigli per tutelare la nostra privacy.

WhatsApp, cosa fare per cellulare smarrito o rubato?

Purtroppo, capita spesso che vengano persi oppure rubati dei cellulari e la nostra grande preoccupazione non è rivolta all’inizio al cellulare, ma al nostro numero di telefono. Oggigiorno tutti hanno, poi, sul loro cellulare l’applicazione di WhatsApp, ed un ulteriore preoccupazione è cosa fare con esso. Scopriamo cosa bisogna fare per tutelare la propria privacy ed i propri contatti  una volta che il cellulare venga perso oppure rubato grazie al sito della stessa app che dispone di alcuni consigli.

WhatsApp

Bloccare la scheda sim

Un primo passo da fare è quello di bloccare la scheda sim, chiamando il gestore telefonico d’appartenenza. Facendo così, non sarà più possibile riverificare il tuo account su quel telefono in quanto è necessario poter ricevere SMS o telefonate per verificare un account. Una volta fatto questo, si può decidere anche di usare una nuova scheda sim con lo stesso numero per attivare WhatsApp sul cellulare nuovo. Poiché «Questo è il modo più veloce per disattivare il tuo account sul telefono rubato. WhatsApp può essere attivato solo su un numero di telefono e su un unico dispositivo alla volta». Così viene detto sul blo dell’app.

Contattare WhatsApp

La seconda scelta prevede di inviare una email con la scritta “Perso/rubato: Disattivazione del mio account nel corpo dell’email”, seguito dal numero di telefono nel formato internazionale completo, come descritto.
Attenzione, però, anche se la scheda sim viene bloccata e il servizio telefonico disabilitato «WhatsApp può essere utilizzato tramite connessione Wi-Fi se non ti metti in contatto con noi per richiedere di disattivarlo». Infine, in caso di mancata riattivazione dell’account entro 30 giorni, significa che è stato completamente eliminato.


Leggi anche: Dipendenza dei telefoni: ecco le conseguenze sui bambini