WhatsApp, cos’è Cerberus, l’app con cui spiare i contatti

-
28/01/2020

Esiste un’applicazione ideata per spiare e tenere sotto controllo alcuni nostri contatti WhatsApp. L’app si chiama Cerberus.

WhatsApp, cos’è Cerberus, l’app con cui spiare i contatti

Più volte abbiamo parlato di come WhatsApp in fatto di sicurezza e privacy non sia proprio il massimo, e sempre più utenti lamentano questo disagio, trovandosi poi vittime di tante truffe che sono in circolazione. Ma ci sono dei casi precisi in cui spiare i contatti che si hanno su WhatsApp è necessario: parliamo di questioni importanti come i quelle di tenere sott’occhio i minori, un nostro figlio, sorella o cugino. A tal proposito, è stata creata un’applicazione il cui nome è Cerberus che non solo è ottima per quanto riguarda il discorso sicurezza, ma non è legale se viene usata per i fini prima elencati. Vediamo di cosa si tratta.

WhatsApp e l’applicazione Cerberus, utile per controllare le chat degli altri

Per evitare la solita situazione in cui il genitore o il fratello maggiore è costretto a spiare di notte il cellulare del minore, l’ideale sarebbe proprio Cerberus.

L’applicazione permette di controllare a distanza tutti i movimenti, sms e chiamate del WhatsApp del vostro parente minore.

In pratica è molto semplice da usare: dopo averla scaricata è possibile vedere tutto ciò che accade sul WhatsApp altrui, senza destare i minimi sospetti.

Tra le tante funzioni di cui dispone, c’è quela che geocalizza il cellulare tramite l’uso del GPS, ma anche registrare i dati delle chiamate ricevute ed effettuate e dei messaggi ricevuti ed inviati.

E ancora: permette di avere l’audio remoto in diretta senza che chi viene spiato se ne accorga.


Leggi anche: Bonus casalinghe 2021: attesa per i decreti attuativi, requisiti e come funziona

E  può anche acquisire gli screenshot.

Insomma, si tratta di una vera e propria spia che riporta tutto ciò che accade al cellulare del nostro soggetto senza che questo se ne accorga.

Passando ad un discorso meno piacevole, l’applicazione non è gratis; o meglio, la si potrebbe provare in tutto e per tutto per una sola settimana.

Al termine di quest’ultima, si inizia a pagare un abbonamento, il quale non è nemmeno tanto costoso: l’abbonamento è di 5 euro all’anno.

Si tratta di una spesa davvero molto piccola e che ci permette di tenere sotto controllo i contatti WhatsApp delle persone a noi care.

 

Leggi anche:

Truffa WhatsApp, abbonamenti attivati per via di un messaggio