WhatsApp: perché nei giorni scorsi ci ha dato dei problemi?

-
07/07/2019

Nei giorni scorsi, applicazioni come WhatsApp, Instagram e Facebook non permettevano agli utenti di fare alcuni gesti consueti. Cosa sarà successo?

WhatsApp: perché nei giorni scorsi ci ha dato dei problemi?

Nei giorni scorsi, tutti i social legati a Mark Zuckerberg hanno presentato dei problemi. Stiamo parlando di WhatsApp, Instagram e lo stesso Facebook. Molte persone hanno riscontrato gli stessi simili problemi: non si riusciva a scaricare dei download ricevuti, messaggi audio, video e anche registrazioni. Sono arrivati a mancare anche dei filtri.

A fare chiarezza sulla situazione è stato portavoce di Facebook, il quale ha dichiarato attraverso un intervento:

“Siamo consapevoli che alcune persone stanno avendo molte difficoltà a caricare i file sulle nostre applicazioni. Stiamo lavorando affinché le cose tornino alla normalità il prima possibile.”

Il crollo dell’applicazione WhatsApp e non solo ha interessato l’Italia e l’Europa

Nei giorni scorsi, chiunque stesse utilizzando le app sopra riportate ha riscontrato delle difficoltà in alcuni gesti consueti.

Facendo un esempio, l’applicazione WhatsApp non ha permesso per tutta la giornata di inviare note audio, foto ed altri file.

Per quanto riguarda i messaggi di testo, sebbene questi risultassero le uniche cose da poter inviare, impiegavano più tempo per essere recapitati.

WhatsApp e altre app down, non è stata la prima volta

C’è stata già in passato una situazione simile che ha interessato non solo WhatsApp, ma anche tutte le altre app ormai proprietà del padre di Facebook.

Per l’esattezza, stiamo parlando del mese di marzo quando per tante ore durante un’unica giornata gli utenti non erano riusciti a vedere i nuovi post, pubblicare contenuti e in alcuni casi anche semplicemente a fare il login.

La causa di tutto questo sembra avere origine dalla piattaforma tecnologica che governa WhatsApp e le altre piattaforme interessate dal problema.

Almeno per adesso, sembra però che tutto sia tornato alla normalità.