Telefonate dal 1510, multe fino a 2 mila euro per chi non risponde: chi è che sta chiamando?

Obbligo di risposta se ricevete una chiamata dal numero 1510. Non è una bufala: ecco chi vi chiama e perché non potete perdere la chiamata

Attenzione se vi arriva una telefonata dal numero 1510: a chiamare è l’Istat ma, soprattutto, siete obbligati a rispondere. Non si tratta di una bufala o uno scherzo telefonico e neppure di una trovata commerciale di call center telefonici insistenti. A chiamare con il numero 1510 è l’Istat. Finora l’ente si è dovuto appoggiare a call center privati, con meno tutele sia per l’istituto che per chi partecipava alle indagini.

Istat chiama dal numero 1510: obbligo di risposta

Su richiesta del governo, l’Agcom ha provveduto a dotare l’Istituto Nazionale di Statistica  di un numero telefonico: il 1510 appunto. L’Istat potrà utilizzare la rete telefonica per condurre indagini e rilevazioni. E attenzione perché negarsi al telefono o ignorare le chiamate potrebbe costare caro.

Il riferimento legislativo è all’articolo 7 del decreto di una norma risalente al 1989 (ma ancora in vigore) che prevede per i cittadini italiani, “l’obbligo di fornire dati statistici”. Ne deriva esplicito obbligo di risposta all’Istat: “È fatto obbligo a tutte le amministrazioni, enti e organismi pubblici di fornire tutti i dati che vengano loro richiesti per le rilevazioni previste dal programma statistico nazionale”.

La sanzione prevista va da una multa fino a 2 mila euro per le persone fisiche fino a 5 mila euro in caso di imprese.

Quando il servizio sarà attivo, la linea dovrebbe essere sia in entrata che in uscita: significa che anche i cittadini potranno contattare il call center Istat (chiamando il 1510 appunto) per fornire agli operatori (che probabilmente saranno automatici), le risposte richieste. Onde evitare multe quindi, se si trova una chiamata persa da parte del 1510, sarà bene richiamare e rendersi disponibili a fornire le informazioni richieste.

Ma chi riceverà le chiamate dal 1510? Dipende dal target delle ricerche. Basti considerare che ad oggi l’Istat ha in atto 101 differenti indagini statistiche per fotografare la situazione del nostro Paese sotto diversi profili. Queste indagini si basano proprio sulla collaborazione di migliaia tra famiglie e imprese che si rendono disponibili a rispondere a dei questionari, anche via telefono (leggi ad esempio indagine Istat sulla disoccupazione).

 

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062