Terremoto LʼAquila: ancora non c’è pace per i parenti delle vittime

Dopo 10 anni dall’ orribile terremoto che ha distrutto l’Aquila, le famiglie delle vittime in totale delusione: ecco cosa è successo

Ormai sono passati 10 anni dal terremoto che ha completamente distrutto LʼAquila, e il dolore delle famiglie delle vittime a causa del terribile terremoto si accentua ancora di più.

Lo Stato chiede indietro i soldi dei danni

Impossibile dimenticare quello che è successo 10 anni fa ad Aquila, il terremoto spazzò via la città, tantissime vittime, gente disperata che si è ritrovata praticamente in mezzo alla strada. Ma il dolore continua ancora, lo Stato chiede indietro i soldi dei danni che le famiglie hanno ricevuto dopo la causa in primo grado contro alcuni membri della commissione Grandi Rischi.

Contro i familiari delle vittime del sisma è stata aperta una causa dalla Presidenza del Consiglio

Lunedì scorso si è tenuta una nuova udienza, L’avvocato Maria Grazia Piccinini, mamma di una dei morti nel sisma interviene a Tgcom 24 dichiarando: “Parlo per conto dei familiari delle vittime. Per quanto riguarda le ricostruzioni, queste, in parte, sono state fatte, in parte sono in corso. Non è ancora tutto finito, ma le cose si stanno sistemando. Quello che non si sta sistemando sono i morti. In tutti i decreti legge emanati a favore del sisma del 2009 niente e nessuno ha mai considerato le vittime. Per di più la causa contro la commissione Grandi Rischi è stata fraintesa in molti sensi. Ho scritto a Conte, nessuna risposta”

Una continua battaglia che non finisce più, ma perché ora lo Stato richiede indietro i soldi della provvisionale? Si troverà mai un accordo? Ricordiamo che in passato lo Stato era ben intenzionato di trovare una soluzione, ma a quanto pare è stato buttato tutto nel dimenticatoio.

Tanto dolore ancora che non si riesce a cancellare in nessun modo e per i familiari delle vittime del terremoto di 10 anni fa si ritrovano tuttora con un’immensa delusione.

Leggi anche: Forte scossa di terremoto a Ravenna con lievi danni: scuole chiuse oggi

Leggi anche: Scossa di terremoto nel basso Tirreno: ecco cosa sta succedendo

 

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.