Vacanze all’estero, test obbligatori a chi torna da Croazia, Grecia, Malta e Spagna

Il Ministero della Salute ha emesso un’ordinanza che prevede test obbligatori a chiunque torni da Croazia, Grecia, Malta e Spagna

A preoccupare gli esperti sono, oltre agli assembramenti sempre più diffusi nelle zone della movida e nelle discoteche, i casi di positività fra gli italiani di ritorno da viaggi all’estero. Il Governo ha imposto test obbligatori a chiunque torni da Croazia, Grecia, Malta e Spagna. Aggiornata anche la lista dei Paesi da cui non è consentito arrivare in Italia. 

Test obbligatori per chi torna dall’estero

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha recentemente firmato un’ordinanza con cui si impone il test molecolare o antigienico per chiunque arrivi da Croazia, Grecia, Malta e Spagna. Il Ministero ha, inoltre, fatto saper che verranno presi provvedimenti ancora più restrittivi qualora la curva dei contagi soprattutto in Spagna e in Grecia dovesse ulteriormente peggiorare. Attualmente l’ordinanza è valida dal 13 agosto fino al 7 settembre. 

Dopo i casi di contagio di giovani rientrati dai suddetti Paesi le contromisure del Governo non hanno tardato ad arrivare. Croazia, Grecia, Malta e Spagna sono gli Stati in cui si è registrato il più alto tasso di contagio fra i turisti in villeggiatura, poi rientrati in Italia. Tutte le persone, quindi, che nei 14 giorni precedenti abbiano soggiornato in uno di questi Paesi devono necessariamente sottoporsi ad un test obbligatorio.

Aggiornata la blacklist

L’ordinanza firmata dal Ministro Speranza prevede tre strade percorribili. La prima è presentare l’attestazione di essersi sottoposti ad un test nelle 72 ore precedenti l’arrivo in Italia. Sottoporsi al test o al tampone direttamente in aeroporto al momento dello sbarco. Oppure effettuare volontariamente un tampone presso l’ospedale locale entro 48 ore dall’ingresso nel Paese. Qualora si scegliesse questa ultima opzione, sarà necessario rispettare la quarantena fino all’esito del tampone.

Il Ministero della Salute ha, inoltre, aggiornato la lista dei Pesi da cui non è consentito raggiungere l’Italia. Attualmente sono 16 in totale: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Colombia (ultima aggiunta), Kosovo, Kuwait, Macedonia del nord, Moldova, Montenegro, Oman, Panama, Perù e Repubblica Domenicana. Rimane l’obbligo dell’isolamento fiduciario per chi arriva dagli Stati Uniti e il tampone obbligatorio per chi torna da Bulgaria e Romania. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp