TFR accantonamento, aggiornamento e rivalutazione mese di aprile 2020

Trattamento di fine rapporto (TFR): aggiornamento, rivalutazione e accantonamento in base all’indice Istat del mese di aprile 2020.

TFR accantonamento, aggiornamento e rivalutazione dei coefficienti Istat delle quote di trattamento di fine rapporto accantonate, con riferimento al mese di aprile 2020: pari a 0,500000. L’art. 2120 del Codice civile stabilisce che, alla fine di ogni anno, la quota di Tfr accantonata deve essere rivalutata.

TFR rivalutazione aprile 2020: indice ISTAT FOI

Il comunicato Istat del 15 maggio 2020 ha stabilito che l’indice FOI (indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, senza tabacchi) è del 102,5.

Come si rivaluta il trattamento di fine rapporto

Il trattamento di fine rapporto, secondo quanto prevede il Codice civile all’articolo 2120, deve essere rivalutato al 31 dicembre di ogni anno, sulla base di un coefficiente.
Il Codice civile prevede che il fondo per il trattamento di fine rapporto deve essere rivalutato, al 31 dicembre di ciascun anno, sulla base di un coefficiente annuale al tasso dell’1,5 per cento.

Il trattamento di fine rapporto (TFR) viene rivalutato in base al coefficiente di che consiste in una percentuale calcolata mensilmente e utilizzata per rivalutare il fondo di accantonamento TFR accantonato relativo all’anno precedente.

Il calcolo del coefficiente si basa sull’indice ISTAT FOI utilizzato per le rivalutazioni monetarie. Per determinare il coefficiente di un mese specifico si calcola il 75 per cento considerando e le variazione dell’indice indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, senza tabacchi (FOI) rispetto al mese di dicembre dell’anno precedente. Il risultato ottenuto si applica il tasso fisso annuale nella misura del 1,5 per cento e si ottiene il tasso di rivalutazione annuale del TFR.
Il tasso 1,5 per cento è annuale e va rapportato al numero dei mesi trascorsi dall’inizio dell’anno.

La rivalutazione si applica sempre sul fondo di trattamento di fine rapporto fino all’anno precedente, quindi, al TFR maturato nell’anno non si deve applicare la rivalutazione.

Anticipo TFR dipendenti pubblici

In tema di TFR va ricordato che l’Inps il mese scorso ha pubblicato un messaggio che avvisa gli aventi diritto che si preparava a gestire l’anticipo del trattamento di fine rapporto o fine servizio dei dipendenti pubblici. La misura è stata prevista nel decreto legge numero 4/2019 all’art. 23, prevede l’anticipo di 45.000 euro sotto forma di finanziamento agevolato a carico dello stato. 

Per approfondire la notizia consigliamo di leggere: Anticipo TFS TFR dipendenti pubblici pensionati: l’Inps si prepara per gestire la misura


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”