TFR privati: che fare se il datore di lavoro non paga?

Cosa deve fare il dipendente del settore privato se il datore di lavoro non paga il TFR alla cessazione del rapporto di lavoro?

Abbiamo trattato diffusamente l’argomento del TFS per i dipendenti del pubblico impiego affermando sempre che i dipendenti del settore privato, invece, ricevono il pagamento della buonuscita alla cessazione del rapporto di lavoro. Non sempre, purtroppo è così è può capitare che il datore di lavoro, come accade spesso, non abbia accantonato il TFR lasciato in azienda dal dipendente e si ritrovi a corto di liquidità al momento di pagarlo.

TFR: se il datore di lavoro non paga?

In questo caso, quindi, il dipendente cosa deve fare per avere il dovuto? Le tutele previste per il dipendente che non riceve il pagamento del TFR sono le stesse previste per i casi di stipendio non pagato.

Il dipendente, per prima cosa, deve inviare una diffida alla propria azienda (via pec o tramite raccomandata con ricevuta di ritorno) sollecitando il pagamento delle somme dovute entro un determinato numero di giorni, in caso di mancato pagamento, si deve precisare nella diffida, si agirà per vie legali.

Se nonostante la lettera di diffida, chiamata anche messa in mora, il datore di lavoro continua a non pagare le somme dovute per il TFR il lavoratore dovrà rivolgersi ad un legale per presentare un decreto ingiuntivo al Tribunale del lavoro che, una volta accertato il mancato pagamento delle somme dovute, notificherà al datore di lavoro un atto di pagamento entro un certo numero di giorni (di solito 40 giorni).

Se trascorso anche questo periodo il datore di lavoro non ha pagato le somme dovute si potrà prevedere o un pignoramento per l’azienda o addirittura la dichiarazione del fallimento della stessa.

In ogni caso per i dipendenti c’è da stare tranquilli quando si parla di TFR, si tratta di accantonamenti avvenuti nel corso della vita lavorativa e spettano di diritto alla cessazione del rapporto di lavoro.

Leggi per approfondire: TFR dipendenti privati: dopo quanto tempo spetta il pagamento?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.