TFS dipendenti pubblici: sempre più lontano, intanto parte il pignoramento

TFS o TFR dipendenti pubblici, ancora nessuna decisione, passano i giorni, i mesi e intanto arriva il pignoramento…

TFS o TFR dipendenti pubblici, la cosiddetta “buonuscita” che in base al settore se pubblico o privato, ha diverse modalità di pagamento. I lavoratori del pubblico impiego devono attendere circa 24 mesi prima di poter ricevere il trattamento di fine rapporto. Il Decreto n. 4/2019 ha previsto per i tanti lavoratori che voglio accedere prima al TFS, l’anticipo con un tetto massimo di 45.000 euro. Purtroppo, la burocrazia, il cambio di Governo, non fanno altro che rallentare questa misura. Come promesso la nostra redazione pubblicherà tutte le lettere che arriveranno tramite tutti i nostri canali (mail: consulenze@notizieora.it e WhatsApp), per dare voce a tanti pensionati usciti dal lavoro con quota 100 con la speranza di poter gestire il loro TFS per spese personali e altro. 

TFS: passano le ore, i giorni, i mesi….

Ringrazio per la vostra collaborazione. Confido nella vostra professionalità. Sono certo che sarete la nostra voce, la voce della quota cento in attesa del Tfs. Cordialità F. A.

Passano le ore, i giorni, i mesi e il nostro Tfs si allontana sempre più dalla realtà di poterlo percepire. Nessuno muove foglia a tale proposito, come se mai nulla fosse stato. Sembra una cosa astratta.

Ma vorrei dire a chi di competenza, ma il mio, il nostro, non era un diritto acquisito? Quando siamo stati assunti come insegnanti era insito nel contratto che avremmo dovuto percepire a fine servizio, una somma accantonata anno dopo anno? Chiamato appunto TFS? Di anni per ciò che mi riquadra io ne ho accumulati 41.

Ma noi…siamo figli di un Dio minore? Chiedo che questo mio sfogo possa essere pubblicato e che i tantissimi super deputati che si sono lamentati, perché il loro era diritto acquisito e non doveva essere tolto, la beffa che stiamo subendo noi dopo una vita di sacrifici per lor signori come la valutano? Cordialmente

Speravo nel TFS per sanare alcuni problemi finanziari…

Buongiorno. Sono in pensione dal 1° agosto con quota cento. Speravo nel tfs per sanare alcuni problemi finanziari che ho contratto per aiutare mia figlia che ha 4 figli e sia lei che il marito vanno avanti (per modo di dire) assunti con contratti a tempo.

Ero una dipendente della MCTC di Trieste siamo passati dal Ministero alla Provincia e per ultima la regione FVG. Ho chiesto la quantificazione del Tfs ALL’INPS dal momento che sembrava potessi avere entro 75 giorni la somma che mi spettava tramite una banca convenzionata con loro.

Dopo 3 mesi tale certificazione non l’ho ancora ricevuta. Ma ho ricevuto ben due ingiunzioni di pagamento da parte di una finanziaria che per motivi economici a un certo punto non sono riuscita a pagare. E ieri da parte della regione FVG dalla quale dipendeva da ultimo, mi manda di firmare una “PROCURA SPECIALE che permetterebbe all’INPS di trasferire il mio Tfs a loro.

Questa procura deve essere firmata davanti a un notaio a spese mie. Siamo veramente all’incredibile. Telefono chiedo spiegazioni se è obbligatorio firmare sta procura e ottengo come risposta poco chiara una specie di “Ni”.

Una cosa certa invece è che se anche andrebbe in porto l’accordo specifico tra ABI e INPS loro non saprebbero come comportarsi.

Quindi si deduce che i tempi potrebbero allungarsi per noi ex dipendenti di questa amministrazione. Nel frattempo, io subirò sicuramente un pignoramento sui soldi a me SPETTANTI. È una INGIUSTIZIA davvero eclatante sta storia del Tfs. 😡😡😡😡😡

In merito al mio messaggio precedente non ho specificato che dovrei firmare la procura del trasferimento del mio Tfs DALL’INPS alla REGIONE FVG perché è questa amministrazione che poi me lo liquiderà. Grazie.

Anticipo TFS: l’Inps non pubblica la circolare, le proteste dei cittadini

TFR o TFS dipendenti pubblici, soldi sequestrati per 2 – 4 anni


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.
Se anche tu vuoi scrivere la tua opinione su qualsiasi argomento scrivi a notizieora.it@gmail.com
La tua lettera sarà vagliata dalla redazione e, se ritenuta idonea, pubblicata.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”