Tim, Vodafone e Wind Tre: attenzione alle ricariche farlocche, arriva la diffida del garante

Fate attenzione alle ricariche farlocche di Tim, Vodafone e Wind Tre.

È probabile che non tutti lo sanno, anche perché bisogna essere fortunati di trovare una persona onesta (come è capitato a me) che vi avvisa della magagna che si trova in giro per quanto riguarda le ricariche di piccolo taglio dei gestori Tim, Vodafone e Wind Tre, così da beccarsi una bella diffida del garante.

Vediamo di che cosa a stiamo parlando che vede protagonista Tim, Vodafone e Wind Tre

Praticamente se oggi andate a caricare uno di questi tre gestori con i tagli piccoli, venite raggirati e truffati sull’importo della ricarica. Non tutti lo sanno anche perché campagne di informazione su questo non sono state fatte. Oggi se andate a fare una ricarica con Tim, Vodafone e Wind Tre da 5 euro vi saranno caricati 4 euro, se ricaricate 10 euro ne avrete 9 di euro, l’euro che perdete va a finire in servizi o bonus, senza possibilità di scelta, che al 90% non vengono usufruiti perché la maggior parte degli utenti hanno promozioni di gran lunga superiori.

Questo ha portato ad una diffida per costi occulti sulle ricariche di cifre basse da parte del garante ai tre gestori dovuta a lamentele da parte dei consumatori. Le offerte sotto accusa sono Ricarica+ di Tim, Giga Ricarica di Vodafone e Ricarica Special di Wind. La cosa che fa più rabbia, che se decidete di fare una ricarica di importo superiore ai 5 o 10 euro, l’euro non vi viene preso, ad esempio, è capitato proprio a me, consigliato dalla persona che mi doveva fare la ricarica, sono stato obbligato da Vodafone a fare la ricarica da 13 euro per non pagare nulla in più, per riattivare la mia promozione mi sarebbe bastato fare la ricarica da 5 euro.

In effetti, la maggior parte delle volte, questi servizi aggiuntivi alla ricarica non vengono sfruttati, e di conseguenza questo costo aggiuntivo finisce per diventare un costo in più però mascherato.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp