Tirocini 2020: Consiglio europeo cerca laureati, ecco come partecipare

Il Consiglio europeo ricerca laureati per l’attivazione di tirocinio presso il Segretario generale. Ecco tutte le informazioni.

Opportunità di formazione per laureati tramite tirocini anche retribuiti che il Consiglio europeo ha attivato per il 2020. Ecco le informazioni per partecipare.

Tirocini Consiglio europeo: durata e retribuzione

Il Consiglio europeo ha attivato tirocini arrivati a candidati laureati da inserire presso il Segretariato generale. Hanno durata di 5 mesi e possono essere retribuiti, con importo determinato annualmente in base alle risorse economiche disponibili di circa 1220,78 euro netti al mese, o non retribuiti per i tirocini obbligatori. Quindi, sono a disposizione tirocini per:

  • 100 posti per tirocini retribuiti;
  • 20 posti per tirocini obbligatori destinati a studenti universitari che devono svolgere un periodo di formazione prevista all’interno del loro corso di studi;
  • 6 posti per tirocini retribuiti destinati a cittadini europei laureati con disabilità riconosciuta.

Il Consiglio europeo prevede lo svolgimento del tirocinio in due periodo diversi:

1)dal 1° febbraio al 30 giugno,

2)dal 1° settembre al 1° gennaio.

Inoltre, il tirocinio presso il Segretariato generale del Consiglio europeo prevede un rimborso delle spese di viaggio per tutto il periodo formativo per tirocinanti assunti al di fuori della sede di Bruxelles (oltre i 50 km). Per tirocinanti con disabilità, invece, ci sarà un’integrazione economica pari alla metà dell’importo della borsa stessa.

Tirocini Consiglio europeo: requisiti

Possono partecipare ai tirocini i candidati in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadini dell’Unione europea oppure Stati candidati a diventarlo;
  • ottima conoscenza di almeno due lingue ufficiali dell’Unione europea, compresa una buona conoscenza della lingua inglese e francese;
  • laurea anche di primo livello in: giurisprudenza, scienze politiche, relazioni internazionali, studi sull’Unione europea, economia;
  • ulteriori qualifiche in altri settori, quali: traduzione, risorse umane, comunicazione, scienze della formazione, informatica, archivi e gestione di documenti, ingegneria civile, grafica, multimediale, agricoltura, gestione energetica, ingegneria aerospaziale;
  • non devono aver già un tirocinio (retribuito o non retribuito) presso qualsiasi altra istituzione dell’Unione europea;
  • non aver lavorato per un periodo superiore a sei settimane presso un altro ufficio ente o agenzia dell’Unione europea.

Come candidarsi

Per partecipare ai tirocini è necessario compilare il modulo online dopo aver cliccato su “Presentare la candidaturaentro il 16 marzo 2020. Non è necessario allegare documenti, che saranno richiesti in caso di offerta di tirocinio. Inoltre, poiché il modulo è disponibile in inglese e francese, per presentare la candidatura è necessario una buona conoscenza di una delle due lingue. Infine, i candidati selezionati per il secondo periodo riceveranno una comunicazione entro giugno.

Attivazione tirocini

I candidati prescelti riceveranno un’offerta tramite email nella quale saranno indicati il periodo del tirocinio in cui si svolgerà e un elenco di documenti da allegare. Per essere ammesso è obbligatorio produrre tutti documenti delle informazioni indicate nel modulo di candidatura. Quindi, occorre inserire nel modulo solo le informazioni per cui si dispone di documenti giustificativi. In seguito alla verifica dei documenti, l’ufficio tirocini invierà un contratto per la firma.

Leggi anche: In quale paese dell’Europa la vita costa meno?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp