Tiziano Ferro contro il bullismo: ecco cosa ha detto

Monologo di Tiziano Ferro contro il bullismo al programma di Fabio Fazio che tempo che fa.

Domenica 24-11-2019 alla trasmissione di Fabio Fazio “Che tempo che fa” come ospite era presente Tiziano Ferro. Il cantante ne ha approfittato per fare un monologo dedicato al bullismo e a chi odia le persone. Nel web Tiziano Ferro è stato elogiato da molti per questo intervento, parole pronunciate con convinzione e trasporto, un vero signore, ha asfaltato un pò tutti e senza fare nomi tutti i piccoli uomini, e io aggiungo, ma perché non aggiungiamo anche gli opinionisti/e che a volte fanno molti danni con le parole e poi restano impunite, attenzione, questo vale per chi non sa fare il proprio lavoro.

Ecco il discorso integrale di cosa ha detto Tiziano Ferro

Le parole hanno un peso, ma non lo ricordiamo, ed è questo il dramma che si nasconde dietro i messaggi di bullismo.

Le parole hanno un peso, ne ribadisco la pericolosità ed è necessario esserne consapevoli quando ci si scaglia contro l’anima di un adolescente troppo fragile per poter decidere o scegliere.

Le parole hanno un peso, grasso, puttana, nano, disadattato, frocio, criminale, negro, vecchia, terrone, raccomandato, pezzente, ritardato, troia, fallito, anoressica, cornuto, handicappato, frigida, inferiore, mongoloide.

Le parole hanno un peso, nella vita e sugli schermi, e per carità smettiamola di difenderci tirando in ballo l’ironia e il sarcasmo, quelle sono arti delle quali bisogna imparare il mestiere, non confondiamo le acque, i livelli.

Le parole hanno un peso, e certe ferite resistono nel tempo, l’apologia dell’odio non è un reato che dovrebbe poter cadere in prescrizione, ma in questo paese una legge contro l’odio non c’è, quindi, bulli e odiatori italiani tranquilli, siete liberi, io intanto aspetto tempi migliori, nei quali le parole magari un giorno avranno un peso.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp