Torta giraffa: strati colorati per un effetto spettacolare

Bellissima torta dall’effetto maculato, strati colorati, che ricordano il peculiare manto della giraffa, ottima da gustare a merenda e a colazione: oltre a essere soffice ha tutto il sapore delle mandorle

Torta giraffa, soffice e deliziosa; ogni fetta ha un effetto spettacolare. Si tratta di un dolce morbido, tanto semplice, ma con un particolare gioco di colore, che ricorda appunto il peculiare manto della giraffa. Questo gioco di colori si ottiene alternando due impasti; uno giallo e l’altro bianco separati da una spolverata di cacao. Un dolce ottimo per merenda o colazione, stupirà di sicuro i vostri bimbi, oltre che a deliziarli.

Torta giraffa: effetto spettacolare

Questa torta impazza nel web già da un po’, le versioni per realizzarla sono tante. Fatta da semplici ingredienti, divisi a metà; separando i tuorli dagli albumi e in ogni composto si aggiunge la metà dei restanti. Nella parte bianca  si aggiunge poi anche la farina di mandorle; la mia versione è fatta con yogurt greco, utilizzando lo stesso vasetto vuoto per le proporzioni degli ingredienti. Ecco la mia ricetta, allacciate i grembiuli e seguitemi che vi racconto come fare, la torta giraffa.

Ingredienti per uno stampo da 22 cm

Impasto giallo

  • Tuorli 4
  • Yogurt greco metà vasetto da 170 gr
  • Farina tipo 0 o 00 due vasetti
  • Zucchero 1 vasetto
  • Olio di semi di arachidi mezzo vasetto
  • Lievito per dolci metà bustina

Impasto bianco

  • Albumi 4
  • Sale 1 pizzico
  • Yogurt greco metà vasetto da 170gr
  • Farina tipo 0 o 00 1 vasetto
  • Olio di semi di arachidi mezzo vasetto
  • Farina di mandorle 1 vasetto
  • Aroma di mandorle 1 fialetta
  • Lievito per dolci metà bustina
  • Cacao amaro q.b

Preparazione: torta giraffa

Per realizzare la torta giraffa, dividere in due ciotole i tuorli e gli albumi. Cominciate con montare il composto bianco, va bene sia un frullino che la planetaria, anche se quest’ultima è più comoda, poiché mentre lei monta uno dei due composti, noi possiamo dedicarci all’altro. Nella ciotola degli albumi, aggiungete il pizzico di sale e cominciate a montare, adesso unite poco alla volta il vasetto di zucchero, continuate fino a ottenere un composto sodo; deve formare il becco come si dice in gergo. becco aquila

Adesso montate i tuorli con l’altro vasetto di zucchero, fino a renderli spumosi e chiari. Abbassate la velocità e aggiungete un po’ per volta la metà dello yogurt e poi a filo anche la metà dell’olio. Nel frattempo, possiamo aggiungere al composto di albumi, l’altra metà di yogurt, con una spatola a mano con movimenti dal basso verso l’alto, per non smontare. preparazione torta giraffa

Poi unite anche l’olio e il vasetto della farina di mandorle, amalgamate bene e inserire l’aroma, infine la farina setacciata con la mezza bustina di lievito. Al composto giallo incorporare i due vasetti di farina setacciati con il restante lievito. Imburrate e infarinate uno stampo a ciambella, versate una metà del composto giallo, cospargete con il cacao amaro fino a coprirlo del tutto. Adesso aggiungete quello bianco e di nuovo cospargete con cacao. Poi ripetere di nuovo gli strati, concludendo con quello bianco, senza aggiungere il cacao.composizione torta giraffa Infornate in forno già caldo a 170°-180° per 50 – 40 minuti, fate sempre e comunque la prova stecchino.

cotta e sformata Fate raffreddare, sformate e potete servire la torta giraffa cosparsa semplicemente da zucchero a velo. Leggi anche: Tortina di albumi al cioccolato e mandorle

effetto giraffa

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Imma Castaldo

Cucinare e impastare è la mia più grande passione che coltivo da quando ero ragazza, ricordo ancora la mia prima pasta e fagioli all'età di 13 anni. Ma la dote più innata sono i dolci, non smetterei mai di farli ma anche di mangiarli, sono molto golosa soprattutto di cose buone. Mi piace imparare e sperimentare cose nuove uso molto il lievito madre per i lievitati e di conseguenza lunghe lievitazione. Avendo anche 3 ragazzi devo sempre inventarmi qualcosa per accontentarli: dai primi piatti alla pizza; dai secondi  al fast food.