Toyota e la Honda richiamano 6 milioni di veicoli

Toyota e Honda stanno richiamando oltre 6 milioni di veicoli in tutto il mondo a causa di due pericolosi problemi di airbag

Toyota e Honda stanno richiamando oltre 6 milioni di veicoli in tutto il mondo a causa di due pericolosi problemi di airbag. Il richiamo della Toyota colpisce circa 3,4 milioni di veicoli a livello globale e viene fatto perché gli airbag potrebbero non gonfiarsi in caso di incidente. Le auto sono dotate di computer di controllo airbag realizzati da ZF-TRW che sono vulnerabili alle interferenze elettriche e potrebbero non segnalare il gonfiaggio delle borse.

Toyota e Honda stanno richiamando oltre 6 milioni di veicoli in tutto il mondo a causa di due pericolosi problemi di airbag

Il problema potrebbe interessare fino a 12,3 milioni di veicoli negli Stati Uniti realizzati da sei società. È possibile che siano state uccise fino a otto persone a causa di questo problema agli airbag. I regolatori di sicurezza statunitensi stanno studiando il caso. Il richiamo di Honda copre circa 2,7 milioni di veicoli negli Stati Uniti e in Canada con gonfiatori airbag Takata. Ma sono una versione diversa da quelle accusate di 25 morti in tutto il mondo. Tuttavia, è possibile che gli airbag possano far esplodere una bomboletta metallica e scagliare schegge contro guidatori e passeggeri.

In una dichiarazione, Toyota ha affermato che il problema può causare l’apertura degli airbag solo parzialmente o per nulla. Anche i dispositivi che preparano le cinture di sicurezza per una collisione potrebbero non funzionare. Nella maggior parte dei casi, i concessionari Toyota installeranno un filtro antirumore tra il computer di controllo dell’airbag e un cablaggio. Ma in alcuni veicoli, i rivenditori ispezioneranno il computer per determinare se necessita del filtro. I proprietari devono essere informati entro la metà di marzo. Il richiamo riguarda alcune Corolle 2011-2019, Matrix 2011-2013, Avalon 2012-2018 e Avalon Hybrid 2013-2018 negli Stati Uniti.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp